GEAPRESS – Stamani alle 8.05, alla periferia sud di Trapani si è svolta una corsa clandestina di cavalli. La zona interessata è quella di via Culcasi, nella zona industriale. Un rettilineo di poco più di un chilometro che stamani ha ospitato la performance di un cavallo da corsa al calesse, seguito da un nutrito numero di scooter ed automobili. Probabilmente quella che si è svolta stamani è una corsa a cronometro. Tali tipi di corse sono state documentate più volte nel recente passato nella circonvallazione di Palermo ed oggetto di alcuni interventi di Polizia e Carabinieri soprattutto nella Sicilia sud orientale.

Secondo alcune fonti, nei pressi della zona industriale di Trapani, stamani potrebbero essere stati presenti altri calessi, pronti a partire. La scelta di fare correre un solo cavallo per volta è solo l’ultimo adattamento degli ambienti criminali che gestiscono le corse, ai numerosi interventi della Forze dell’Ordine.

Il Codice della Strada italiano, infatti, vieta le competizioni in strada di animali, ma nulla prevede sulla presenza di un singolo calesse se entro i limiti, ivi compresi di velocità, imposti per la normale circolazione stradale. Dovrebbero rispettare solo poche prescrizioni, quali sistema frenante, segnalatori luminosi, numero identificativo registrato presso il Comune. Piccole sanzioni amministrative, che poco o nulla possono funzionare da deterrente per la corsa clandestina.

La corsa di un singolo calesse, dunque, non è in quanto tale vietata dal Codice della Strada, che di fatto equipara il calesse ad un veicolo a trazione animale. Si può guidare anche in centro città e con alla guida un minore (vedi articolo GeaPress). 
 
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati