GEAPRESS – Nuova operazione di contrasto dei Carabinieri contro una corsa clandestina di i cavalli. A fermarla sono intervenuti questa volta i militari della Stazione di Catona (RC).  Nel corso di un servizio di controllo, operato all’alba di domenica scorsa, i Carabinieri hanno notato un insolito capannello di persone intente a guardare, da un ponte, verso la strada che costeggia il torrente Gallico. Si trattava di una gara di trotto che coinvolgeva almeno tre partecipanti.

All’immediato intervento dei Carabinieri faceva seguito la fuga delle persone assemblate , fatto che non ha impedito di bloccare, senza problemi per il cavallo e per il conduttore, uno dei partecipanti che è stato immediatamente identificato. A lui, ventinovenne di Archi (RC),  è stato contestato sia quanto di pertinenza al Codice della Strada in merito a gara clandestina con animali, nonchè i reati di maltrattamento di animali ed esercizio abusivo della professione veterinaria.

I Carabinieri, infatti, non si sono limitati al fermo del partecipante alla corsa clandestina ma hanno esteso le indagini volte ad identifcare altri partecipanti ed organizzatori, nonchè alla perquisizione domiciliare presso la stalla ove veniva ricoverato il cavallo.  Congiuntamente al prelievo ematico, effettuato dai veterinari dell’ASP, al fine di stabilire attraverso specifiche analisi l’eventuale soministrazione di sostanze dopanti, i Carabinieri hanno scoperto all’interno della stalla posta sottosequestro, scatole di medicinali per uso veterinario detenute in assenza di qualunque registrazione. Sono state rinvenute altresì sacche per flebo già utilizzate.

GeaPress ricorda come il drammatico fenomeno delle corse clandestine di cavalli  è con continuità represso dagli interventi delle Forze dell’Ordine. Il vero motivo però che induce i fantini, spesso, legati ad organizzazioni criminali, all’utilizzo della strada è dovuto al permissivismo del Codice della Starda che consente finanche ad un quattordicenne alla guida di un calesse da corsa di sfrecciare in pieno perimetro urbano (vedi articolo GeaPress).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: