GEAPRESS – Intervento della Polizia di Stato in via Ernesto Basile, a Palermo. Ad essere fermato, mercoledì sera intorno alle 22.30, un calesse uso corsa. Alla guida due ragazzi che sono stati identificati. Non è chiara la dinamica dell’accaduto, ma sul posto, poche decine di metri prima della circonvallazione cittadina, sono intervenute due volanti della Polizia di Stato che hanno provveduto a bloccare il calesse. Dal vicino quartiere di Medaglie d’Oro sono a questo punto sopraggiunte più persone che hanno subito familiarizzato con i due guidatori del calesse. La Polizia di Stato ha così richiesto l’intervento di una terza volante, sopraggiunta poco dopo, mentre il cavallo, un pony di media taglia, è stato liberato dal calesse.

Tutte le persone nel frattempo radunatesi erano in qualche maniera partecipi della presunta corsa. Sul posto, infatti, si è vista fermare una macchina dalla quale è scesa una ragazza che è andata a ringraziare i poliziotti. In quella zona, avrebbe riferito, le corse sono molto comuni. In effetti, in via Ernesto Basile, in più occasioni si sono rinvenuti cavalli morti a seguito degli incidenti che spesso caratterizzano le corse clandestine (vedi articoli GeaPress 27 luglio e 29 marzo 2011). La Polizia di Stato, inoltre, è già intervenuta. In un caso vi fu un incredibile inseguimento degli scooter che usualmente servono a sbarrare il traffico veicolare rendendo possibile la corsa (vedi articolo GeaPress).

La presenza di cavalli di media taglia, è ormai una caratteristica sempre più diffusa nel mondo delle corse clandestine. Più facilmente gestibili ma dalle prestazioni considerevoli in strada, rappresentano un mondo più scollegato da quello delle stalle dell’ippodromo da dove spesso provengono i purosangue riciclati tra corse clandestine e carrozze per turisti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati