GEAPRESS – Ormai hanno preso piede e chissà per quanto tempo ancora dovremo tenercele. Stiamo parlando delle nuove corse clandestine di cavalli, quelle a cronometro, per la prima volta documentate da GeaPress con i filmati girati nella circonvallazione di Palermo (vedi video GeaPress).

Non più due o tre calessi in corsa dietro un codazzo di macchine e scooter a bloccare la carreggiata. Danno troppo nell’occhio e manifestano chiaramente la competzione che, seppur blandamente, è vietata dal Codice della Strada. Ed ecco la novità, avviata a Palermo non più di due anni fa ed ora decisamente apparsa anche nella Sicilia orientale. Un solo cavallo mandato alla corsa senza che nessuno può dirgli niente, o quasi. Il Codice della Strada, infatti, consente ai veicoli a trazione animale di potere sfrecciare anche nel traffico cittadino ed anche se guidati da un minorenne (vedi articolo GeaPress). E’ la corsa con il cronometro. Più difficile da intercettare perchè bisogna provare che era in atto una competizione.

Ci sono riusciti i Carabinieri di Augusta poche settimane addietro (vedi articolo GeaPress) ed ora la Polizia di Stato di Avola (SR) che ieri alle 11.00 ha bloccato lungo la provinciale che collega Noto al Lido di Noto una gara clandestina a singolo animale. Veniva cronometrato il tempo di percorrenza. Ad essere denunciati sei uomini, tutti del luogo e di età compresa tra  ventisei e trentaquattro anni. I cavalli e i mezzi utilizzati per la corsa sonmo stati utilizzati. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).