tartarughe guance gialle
GEAPRESS – Aveva il carapace spaccato, forse a causa di un investimento o di una caduta dal balcone, la tartaruga guance gialle soccorsa dell’ENPA, nei pressi di piazza Bologna a Savona. L’animale aveva circa 10 anni.

Purtroppo la grossa tartaruga, la cui specie è di provenienza americana, presentava il carapace spezzato e diverse lesioni interne. La corsa presso un veterinario specializzato in rettili non è servita a salvarla.

L’ENPA di Savona torna così a sottolineare come sia sempre alto in provincia il numero di animali di questo tipo abbandonati in modo a volte impensabile ma sempre ignobile. Sono già stati raccolte oltre 20 tartarughe in un anno. Si va da quella ritrovata nella spazzatura a Loano o in un albergo a Savona ma anche nelle campagne sulle alture o nelle vie di Albenga e Cairo.

Purtroppo mentre la vendita della specie con le orecchie rosse è stata proibita, le più comuni “orecchie gialle” sono in libera vendita a pochi euro. Piccole e graziose attirano soprattutto i bambini ma da adulte raggiungono i 20-30 cm e diventano spesso scomode. Capita così che le persone meno sensibili se ne sbarazzano senza scrupoli e in mille modi. Inutili fino ad oggi le proposte dell’ENPA rivolte ai Comuni, che dovrebbero farsi carico per legge dei soggetti abbandonati, di proibirne la vendita ed il possesso a scopo di commercio, che rilancia l’appello di non comprarne mai.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati