DOMANDA: 

Gent.mi Dott. Francesco e Enrico,
Vi scrivo per il mio cane di 11 anni, un meticcio di 10 Kg. Da circa due anni gli è stata riscontrata una forma di lupus eritematoso sistemico che lo coinvolge nelle mucose attorno alla bocca  al naso e agli occhi. La veterinaria mi ha prescritto il cortisone dicendomi di somministrargliene il meno possibile visto che è  l’unica terapia o meglio palliativo. Riesco a contenere i sintomi evitandone il peggioramento (anche se i sintomi attorno al naso e alla bocca permangono) con un quarto di pastiglietta di  Deltacortene da 25 mg ogni 3 giorni circa. Ora ho riscontrato che anche nella parte superiore del muso si stanno formando nuove piccole ulcere. Volevo chiedervi se il cortisone è la sola alternativa (cura che dovrà  purtroppo fare a vita) se esistono dei coadiuvanti che possano aiutarlo anche omeopatici o di qualsiasi natura.
Vi ringrazio molto perchè sono davvero preoccupata. Il cane comunque mangia e al momento non è sofferente nel suo complesso.
Grazie mille

Pinuccia Cauzzi 
Cremona

RISPOSTA:

Salve Pinuccia,
il lupus è una malattia abbastanza rara che ha una maggiore incidenza nei derivati braccoidi. Rientrando nella categoria delle malattie autoimmuni, purtroppo, il farmaco d’elezione è il cortisone per la sua efficacia immunosoppressiva. E’ possibile, in alternativa, utilizzare tetracicline e niacinamide in associazione, nel dosaggio di 250 mg al giorno, oppure ciclosporine nel dosaggio di 5 mg per kilo di peso del cane, ma queste terapie devono essere valutate in relazione alle condizioni generali del cane, appurate attraverso indagini ematologiche accurate. Personalmente le consiglio di non modificare l’attuale terapia ma di aggiungere massicce dosi di vitamina E e di acidi grassi che coadiuvano e aiutano. Parli anche coi suoi veterinari per valutare l’opportunità di una variazione di terapia e di fare eventualmente un test per una diagnosi differenziale con  un processo micotico. Spero di esser stato d’aiuto.

dott. Francesco Assenza