DOMANDA:

Salve Dottore,
ho uno sharpei di quasi un anno. Da quando l’ho preso il cane si gratta, si morde zampe o parti del corpo e fa cattivo odore. L’ho portato da molti veterinari ma il problema continua a persistere. L’ultimo mi ha diagnosticato una micosi (gli ha passato la lampada sul pelo). Come cura mi dato un medicinale a base di griseofulvina x 20 giorni e lavarlo con uno shampoo a base di Ketoconazolo ogni 7 giorni e di ripassare da lui prima dei 20 giorni. Quando sono ritornato, gli ho detto che il problema persisteva, mi ha fatto continuare con il medicinale per altri 20 giorni e aggiungendo anche un corticosteroide per 3 giorni (una compressa da 500 al giorno). Io nel frattempo gli avevo cambiato anche le crocchette , passando a quelle per la dermatite(premetto che mangia anche cibo nostro mischiato nelle crocchette). Dopo quasi due mesi di cure e altro, ho trovato solo un leggero miglioramento, ma tutt’ora si gratta con continuazione ma si morde di rado. Il pelo è migliorato, prima aveva delle chiazze sul manto, ma continua il cattivo odore anche dopo quasi due giorni che è stato lavato. Premetto che il cane sta in casa. Non so più cosa fare.

Un lettore

RISPOSTA:
Salve,
purtroppo lo sharpei è un cane geneticamente predisposto alle patologie cutanee e spessissimo va incontro a demodicosi e malassezia, nonché a forme allergiche e/o intolleranze alimentari. L’odore della cute è piuttosto caratteristico e spesso non dipende da alcuna patologie o affezione.

La lampada di Wood evidenzia in modo piuttosto certo affezioni micotiche che si possono trattare con griseofulvina (come quello da lei usato), anche se personalmente preferisco utilizzare itroconazolo, e non per periodi così lunghi. E’ inoltre giusto utilizzare, in associazione ad antimicotici sistemici, prodotti topici come shampoo o lozioni, ed eventualmente integrare con ribes perle.
Se effettivamente la diagnosi è solo di micosi, la terapia prescritta è corretta. Ma spesso tra le pieghe cutanee si annidano altri tipi di germi e parassiti. Io consiglierei l’uso di uno shampoo alla clorexydina al 4%, facendo un bagno a settimana per almeno 6 settimane e poi rivaluterei il problema.
Nel caso dello sharpei è assolutamente auspicabile l’uso di un cibo specifico per dermatiti ma non ha alcun senso darglielo se a questo si associano cibi umani, cucinati, non adattati a cani.
Ci faccia sapere di eventuali miglioramenti.
Saluti

dott. Francesco Assenza

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati