GEAPRESS – “Niente scherzi, il divieto di vendita di prodotti cosmetici sperimentati su animali previsto dal 1 gennaio 2013 deve essere categorico”. E’ il commento di Andrea Zanoni, eurodeputato IdV e vice presidente dell’intergruppo Benessere degli animali al Parlamento europeo, che ha presentato oggi un’interrogazione per chiedere conto alla Commissione europea dell’attività dell’European Center for Validation of Alternative Methods OECD che si occupa di validare i metodi alternativi alla sperimentazione animale. “Dal 1 gennaio 2013 non ci deve più essere in vendita alcun prodotto cosmetico sporco del sangue di poveri animali utilizzati come cavie per testare semplici cosmetici”.

L’interrogazione presentata da Zanoni e cofirmata da altri 12 eurodeputati dell’Intergruppo Benessere degli animali (vedi sotto) chiede alla Commissione informazioni sull’attività del Centro la cui approvazione è propedeutica all’utilizzo di qualsiasi metodo alternativo alla sperimentazione. “Sembra che se l’ECVAM non riesce a convalidare un metodo sostitutivo in tempo, la legislazione comunitaria che mira a sostituire l’uso di animali nei test non possa entrare in vigore”, spiega Zanoni che per questo chiede alla Commissione quali metodi alternativi sono stati validati, quali sono in corso di esame, quale tempistica è prevista per la completa sostituzione degli animali per i test dei cosmetici e qual è il bilancio annuale del Centro ECVAM.

L’unico modo per sbarazzarsi definitivamente della vivisezione è puntare concretamente sui metodi che non prevedono l’utilizzo di animali – continua Zanoni – Per questo dobbiamo appurare che l’attività di un centro fondamentale a questo scopo come l’ECVAM sia svolta in modo cristallino”.

Lo scorso 10 luglio Zanoni e i colleghi dell’Intergruppo sugli animali avevano anche scritto direttamente al Presidente della Commissione europeo José Manuel Barroso per chiedere informazioni sulla temuta deroga al divieto di commercializzazione dei prodotti cosmetici contenenti ingredienti testati su animali previsto per il 1 gennaio 2013. “Purtroppo ad oggi non abbiamo ancora ricevuto risposta. Mi auguro che non sia il preludio dell’ennesimo regalo alle industrie dei cosmetici per continuare con i loro barbari test sugli animali – conclude Zanoni – Per quanto mi riguarda al Parlamento europeo la battaglia continua”.

L’interrogazione, presentata oggi, è stata firmata da Andrea ZANONI, Dan JØRGENSEN (danese, socialista) Nadja HIRSCH (tedesca, liberale e democratica), Jörg LEICHTFRIED (austriaco, socialista), Pavel POC (Ceco, socialista), Raül ROMEVA i RUEDA (spagnolo, verde), Keith TAYLOR (britannico, verde), Daciana Octavia SÂRBU (rumena, socialista), Esther DE LANGE (olandese, popolare), Kriton ARSENIS (greco, socialista), Carl SCHLYTER (svedese, verde), Sirpa PIETIKÄINEN (finlandese, popolare), David MARTIN (britannico, socialista).

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati