GEAPRESS – Scintille ed un quasi nuovo fermo di polizia per Stefano Fuccelli, Presidente del Partito Animalista Europeo. Dopo le botticelle romane di questa estate, Fuccelli ha infatti rischiato di finire in Commissariato, poco dopo un vivace scambio di battute con il Senatore Carlo Giovanardi (PdL). Quest’ultimo era oggi intervenuto ad una conferenza stampa in appoggio delle istanze di chi sostiene la sperimentazione animale. Fuccelli, invece, era nei luoghi a seguito dell’opposta manifestazione della quale aveva dato comunicazione ieri (vedi articolo GeaPress).

Sta di fatto che Fuccelli, ormai lasciata la manifestazione animalista, si è ritrovato in via di Santa Chiara, con tanto di cartello sandwich antivivisezionista. Il tutto a due passi dal Senatore Giovanardi impegnato in quel momento a rilasciare un’intervista al Tg1. Quanto accadrà di lì a poco dovrebbe, infatti, essere stato ripreso dalla troupe della RAI che aveva chiesto a Fuccelli, verosimilmente al fine di evitare polemiche, di poterlo intervistare dopo i minuti dedicati al Senatore Giovanardi.

Qualche battuta iniziale ma poi il tutto sembrava essere andato per il verso giusto. Altri militanti, nel frattempo, aveva raggiunto il luogo.

Poi la bandiera dei Verdi vola via dalle mani di Nando Bonessio. Attimi concitati e l’accusa che a toglierla potesse essere stato addirittura lo stesso Senatore. Sta di fatto che Giovanardi è di nuovo lì, assieme ad una persona con gravi handicap. Forse una persona che porta i segni del talidomide, farmaco ritirato anni addietro per i sicuri danni causati all’uomo. Solo che parte della scienza imputa proprio alle “menzogne della vivisezione” (come riferiva oggi Fuccelli), gli effetti del farmaco. Altri, invece, dichiarano l’opposto.

Su quanto accaduto, il PAE giura di avere prodotto un filmato che a breve verrà messo in rete. Tra le cose che sarebbero contenute nel filmato anche una domanda che un’attivista animalista avrebbe posto al Senatore Giovanardi sul perché non avessero invitato la controparte. Abbiamo appena dimostrato che il 99% dell’informazione televisiva è opposta, avrebbe risposto il Senatore.

Al di là del battibecco con Giovanardi, Fuccelli è rimasto, a quanto pare a titolo personale, proprio innanzi l’edificio del Senato ove si era svolta l’iniziativa pro-sperimentazione. “Chiedevo solo che venisse data la possibilità, in una prossima data, di sentire una posizione diversa da quella di Giovanardi” riferisce Fuccelli. “Ed invece non siamo neanche innanzi ad un dialogo tra sordi – aggiunge il Presidente del PAE – ma ad un vero e proprio monologo che costerà sicuramente la vita a milioni di animali.“.

L’oggetto del contendere è la discussione dell’art. 14 inserito nel disegno di legge sulla comunitaria 2011. Dovrebbe riprendere domani, anche se non è escluso un ennesimo rinvio. Sta di fatto che Fuccelli rimane al Senato con un Ispettore di Polizia che a quanto pare lo voleva portare in Commissariato dopo averlo identificato. Dopo un proferito “potete arrestarmi, ma non sto facendo nulla di male” la questione però è sembrata calmarsi con gli antivivisezionisti fuori dal Senato e l’opposta schiera, invece, ospitata all’interno.

In merito alla manifestazione animalista di oggi, è arrivato un messaggio sia dell’On.le Michela Brambilla (PdL), impossibilitata ad intervenire, che un interessamento alle istanze di Fuccelli della Senatrice Franca Biondelli (PD), componente della Commissione d’Inchiesta sull’efficacia e l’efficienza del Servizio Sanitario Nazionale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY: