esercitazioni medici militari
GEAPRESS – Secondo quanto diffuso da PETA, l’esercito americano avrebbe deciso di sostituire gli animali con simulatori artificiali, nel corso della formazione medica.

La decisione riguarderebbe sei diverse aree adibite dai militati per questi scopi. Un problema, quello dell’uso degli animali, che era stato aspramente criticato dagli animalisti che erano arrivati a documentare gli interventi compiuti sul campo ed aventi ad oggetto animali orrendamente feriti.

Secondo PETA si tratterebbe di un successo ottenuto grazie alle centinaia di migliaia di telefonate ed e-mail piovute sulle autorità governative statunitensi.

Speciali manichini serviranno a simulare le più comuni ferite che i futuri medici militari dovranno affrontare in aree di guerra. Tra le procudere previste, vi sono anche quelle particolarmente invasive ed a rischio di morte. Riguarderanno  le ferite da traumi e quelle che devono essere affrontate con infubulazione, fino ad ora praticate sui furetti, maiali e capre.

Le disposizioni, stante quanto riportato dal Boston Globe, dovrebbero entrare in vigore entro il primo gennaio 2015

Secondo PETA l’annuncio rappresenta un enorme passo avanti sulla strada dell’abolizione di ogni abuso perpetrato sugli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati