GEAPRESS – Dalla Francia dovevano raggiungere Basilea, dove l’altro ieri si è svolta una manifestazione di protesta contro la Harlan, la multinazionale americana molto nota anche per le proteste antivivisezioniste. Due ragazze, una di origine italiana ed una francese. Arrivate alla frontiera svizzera, il controllo di polizia. Sembrava un controllo di routine e così probabilmente era, fino a quando non si sono accorti dei volantini relativi alla manifestazione. Nessun problema per le due attiviste, solo che alla manifestazione, di fatto, non sono riuscite ad andare. Stante il racconto delle due ragazze, al ritrovamento dei volantini è seguito il ritiro delle chiavi del mezzo, l’obbligo di spegnere i cellulari, il ritiro dei volantini oltre che l’obbligo di attendere la fine degli accertamenti.

Numerose ore sotto la pioggia battente, passate però in compagnia della polizia frontaliera. Telefonate e verifiche, ma nulla da contestare. Alle 17.50 le ragazze ritornano in possesso di quanto dovuto e con il permesso di poter valicare la frontiera. Solo che la manifestazione era prevista alle 18.00. Troppo tardi per partecipare.

Ci siamo sentite trattate da terroriste, dicono ora le due ragazze. Eppure, stante il loro racconto, sembrerebbe proprio che chi indirizzato ad una manifestazione antivivisezionista, abbia una sorta di “valore” aggiunto. Per quale motivo la polizia frontaliera ha messo in atto tali controlli, solo una volta accortasi dei volantini. Infine una piccola beffa. “Buona manifestazione“, sarebbe stato riferito una volta conclusi gli accertamenti.

Cosa succederà il prossimo 19 gennaio, quando a Gannat, in Francia, si svolgerà una manifestazione internazionale avente ad oggetto sempre la Harlan? Un evento, dicono gli organizzatori, che vuole seguire il filone cominciato da “No Harlan Groupe” con la manifestazione di Udine dello scorso settembre. Una linea diretta con le esperienze italiane ma che congiunge, almeno sulle mappe stradali, anche la frontiera svizzera.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati