GEAPRESS – Primi  disegni di legge pro-animali, presentati al Parlamento. Ben sei testi, tutti depositati il 15 marzo, ovvero il giorno di apertura dei nuovi lavori parlamentari. A non avere perso tempo è la Senatrice Silvana Amati (PD) (nella foto della scorsa legislatura durante la protesta contro il legittimo impedimento), più volte segnalatasi per le sue iniziative in difesa degli animali.

I testi presentati sono tutti al momento coofirmati dalla Senatrice Manuela Granaiola (PD).

In ordine di presentazione riguardano il ” Codice per la tutela degli animali d’affezione, la prevenzione ed il controllo del randagismo“, il ” Divieto di sperimentazione sugli animali e sostegno ai metodi sostitutivi di ricerca” (iniziativa della Senatrice Granaiola), le “Modifiche al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 116, per la maggiore tutela degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici“, il ” Divieto di allevamento, cattura e uccisione di animali per la produzione di pellicce“, le “ Norme in materia di tutela del cavallo” oltre che “Istituzione del Garante dei diritti animali“.

Eletta nelle Marche, nel collegio di Senigallia (AN),  la Senatrice Amati è altresì docente universitario di Istologia. Considera i disegni di legge a tutela degli animali, alla stessa maniera di altri  presentati sempre il 15 marzo e riguardanti la tutela della persona umana e l’economia del territorio.

“Ricominciano le battaglie di civilità“. Così ha scritto la Senatrice Silvana Amati, presentando le nuove iniziative parlamentari.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati