beagle olanda
GEAPRESS – Sono tutti in famiglia, al caldo e al sicuro. Così fanno sapere gli attivisti di Anti Dierproeven Coalitie, il gruppo animalista che lo scorso 10 aprile è entrato, nottetempo, all’interno di un allevamento olandese di cani beagle destinati alla vivisezione. Come è noto (vedi articolo GeaPress) gli attivisti, prelevati i sei cagnolini, sono andati ad autodenunciarsi alla polizia. Non a caso la loro azione è avvenuta a viso scoperto.

Arrestati e già liberati il giorno dopo. Verosimilmente, dovranno ora rispondere di una azione di furto.

L’intervento animalista non è però insolito per l’autodenuncia di una azione che, ovviamente, è illegale. Con loro, infatti, c’era anche Tess Milne, presentatrice molto nota in Olanda. Assieme alla troupe di Veronica TV, ha seguito gli animalisti nel corso dell’azione. Attimi di tensione quando, ormai prossimi a scavalcare i pannelli perimetrali, la scale in metallo hanno iniziato rumorosamente a posarsi sulla recinzione.  L’attenzione era sempre puntata verso un edificio, forse sede della vigilanza. Ed invece tutto è filato liscio. L’uscio di una porticina, gli sguardi impauriti dei cagnolini, gli abbai degli altri cani. Poi tutti in braccio, oltre quei pannelli metallici, verso la libertà.

La presentatrice ha seguito il gruppo fino alla stazione di polizia, dove è avvenuta l’autodenuncia e l’arresto degli attivisti durato poco più di una notte. Poco prima, però, uno degli attivisti si era allontananto con i cagnolini. Tranquillamente salutato, in strada, dalla stessa Tess Milne, così come poi ha ripetuto nel momento in cui la Polizia ha condotto nel furgone gli attivisti.

La presentatrice ha  partecipato anche alle fasi preparatorie dell’azione. Assieme al gruppo ha preso visione della mappa ed ha fatto numerose domande sia in merito all’allevamento che a quello che si prefiggevano gli attivisti. Abbattere il muro del silenzio.

Il servizio è stato già trasmesso dalla TV olandese.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI VIDEO: