GEAPRESS – Dopo la mozione approvata lo scorso febbraio a La Spezia (vedi articolo GeaPress) in favore di una città antivivisezionista, il Consigliere Comunale Luciano Masia (Comunisti Italiani) riesce a condurre in porto altre due proposte, approvate all’unanimità dal Consiglio Comunale.

La Spezia è una “città contro la vivisezione” e per questo la qualificante scritta apparirà nella cartellonistica stradale che si vede entrando in città. La mozione è stata approvata in Consiglio Comunale lo scorso 26 marzo congiuntamente ad altro positivo provvedimento presentato sempre dal Consigliere Masia (nella foto ai banchetti della LAV). La Spezia si dovrà dotare di un servizio di 118 veterinario. Il numero pubblico dovrà essere messo a disposizione sia per le chiamate ordinarie che nel caso di calamità. Ad usufruirne non solo gli animali bisognosi in strada, ad esempio quelli incidentati, sia essi randagi che selvatici, ma anche i pets di persone sole ed anziane impossibilitate a provvedere ad un ricovero veterinario (scarica mozione).

Spetterà ora alla Giunta ed ai due Assessori al ramo, dare esecutività alle mozioni che testimoniano ancora una volta l’alta sensibilità dimostrata da La Spezia oltre che il continuato interesse del Consigliere Masia. Un lungo impegno quello di Masia che, in tema di vivisezione, con l’approvazione della mozione già lo scorso febbraio testimonia, secondo le parole dello stesso Consigliere come “la nostra città sia capofila in Italia nella lotta alla vivisezione“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati