GEAPRESS – I Veterinari sono pro o contro la sperimentazione animale? Alla domanda non c’è risposta. Per Assovet, l’Associazione Veterinari Titolari di Struttura c’è però l’impegno a lavorare per una nuova concezione di benessere e rispetto nei confronti degli animali.

Questo, in sintesi, quello che può dirsi dopo le contrarietà sollevate a seguito della lettera inviata dai Presidenti di AMNVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) e SIVAL (Società Italiana Veterinari Animali da Laboratorio)  al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Nello scritto (vedi articolo GeaPress), si invitava il nostro Presidente a tutelare la ricerca scientifica. Il riferimento, però, era fin troppo evidente. Parere negativo all’art. 14 contenuto nel ddl 3129 relativo alla legge comunitaria 2011. Misure più restrittive, almeno sulla carta, in tema di sperimentazione animale.

Sulla vicenda è intervenuto il Presidente di Assovet dott. Roberto Gotter. “Ogni Veterinario – ha dichiarato il dott. Gotter a GeaPress – è libero di avere sul tema la sua personale opinione“. Non c’è, in altri termini, una decisione collegiale sull’argomento anche se la visione di Assovet , tiene a precisare il dott. Gotter, è completamente diversa rispetto a quanto espresso dai Presidenti di ANMVI e SIVAL.

Nella lettera inviata al Capo dello Stato da AMNVI e SIVAL, i due rispettivi Presidenti, dott. Marco Melosi e dott. Massenzio Fornasier  ritenevano  “che i principi costituzionali della tutela della salute umana e della libertà della ricerca scientifica ad oggi non possono ancora essere realizzati senza l’utilizzo di animali. Il passaggio diretto dai sistemi in vitro all’essere umano rischia di determinare delle conseguenze per la salute umana, che nessuno è in grado di stimare, e per questo è inaccettabile”.

Ma può un Veterinario parlare in questi termini anche a nome di suoi colleghi? Lasciamo alla categoria  il dibattito per risolvere la probabile divergenza di opinioni. Di certo, al di là della presa di distanza dell’Assovet, è utile riportare il parere di chi, Veterinario, pensa che tale sistema sperimentale vada abolito. Anzi, trova addirittura assurdo che ai nostri giorni si continui ad insistere con la sperimentazione animale.

Per il dott. Massimo Raviola, componente del Comitato di Bioetica di Assovet, “ogni professionista ha la sua libertà di coscienza”. Il pensiero del dott. Raviola, però, è che “l’attuale sistema rappresenta l’esempio lampante della dominanza  dell’uomo tesa allo sfruttamento degli animali. Non una azione di tutela, ma una vera e propria dominanza violenta“.

Dobbiamo rispettare gli equilibri naturali – riferisce a GeaPress  il dott. Raviola – e se vogliamo aprire gli occhi dobbiamo altresì essere consapevoli che, nonostante i progressi, a tutt’oggi molte malattie imperano irrisolte“. Non si sono ancora sciolti nodi cruciali e su questo il dott. Raviola è ancora più risoluto. “Non dico che  continuare ad insistere sia la causa del male ma di certo non è la strada migliore. Bisogna studiare altre strade, rispettose e valide. La sperimentazione animale – aggiunge il dott. Raviola  – va in direzione opposta. Poi ci sono i forti interessi, anche economici“.

Forse uno spunto  in più per chi sostiene che l’opposizione all’art. 14 sia un pò troppo pretestuosa. Forse, una volta approvato l’art. 14, si potrebbe creare un “precedente” che potrebbe ispirare altri paesi.  Un assioma messo in discussione, insomma.

Porre la domanda su Green Hill al dott. Raviola, sembra quasi superflua. Non solo non è il caso di mettersi a combattere l’art. 14 ma lo stesso è ritenuto tutto sommato inutile, eccetto che per Green Hill. Unico allevamento esistente in Italia, produce a Montichiari (BS) cani beagle per la sperimentazione. Essendo l’ultimo rimasto sarebbe automaticamente il solo a chiudere una volta approvato il divieto di allevare, sul territorio nazionale, cani oltre che primati e gatti. Di questi ultimi due, però, già non ve ne sono, sebbene potrebbero sempre aprirne. Meglio non rischiare.

L’ultima domanda al dott. Raviola è relativa al pericolo paventato sul venir meno delle condizioni di benessere una volta chiuso Green Hill. Tale rischio era stato espresso in sede di audizione presso la XIV Commissione del Senato, che ha attualmente in corso i lavori del ddl 3129. Anche nel caso venisse approvato l’art. 14 la sperimentazione sui cani non si fermerebbe. Secondo alcuni si avrebbe una importazione di animali dall’estero con il venir meno, durante il trasporto, delle condizioni di benessere.

Risulta – afferma il dott. Raviola – che l’80% dei beagle di Green Hill vengono già esportati all’estero. Non voglio sconfinare in altri argomenti – conclude il dott. Raviola – ma quando si parla di trasporto e di cani mi sia consentito un seppur breve accenno alle migliaia di cuccioli che vengono importati come animali da compagnia da allevamenti esteri. Non ritengo che attualmente siano adeguatamente attenzionati“.

Strani via vai di piccole vite. Tanti cani dall’Ungheria per l’Italia e tanti da Green Hill per l’Ungheria, dove è esistente uno dei maggiori clienti dell’allevamento bresciano. Per loro, però, nessuno ha mai scritto al Presidente della Repubblica.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati