coordinamento fermare green hill
GEAPRESS – “Fermare Green Hill”, si chiama così il libro autoprodotto dal Coordinamento Fermare Green Hill i cui volontari sono stati i primi a dar vita alla protesta contro il noto allevamento di Montichiari.

Allo stato non attivo come allevamento, a seguito di una indagine della Magistratura, l’allevamento entrò al centro delle attività del Coordinamento molto prima della nefasta Direttiva europea, cosiddetta “vivisezione”, del settembre 2010. In pochi lo ricordano ma la manifestazione che riempì le strade di Roma, subito dopo l’approvazione della Direttiva, era stata in realtà già da prima indetta dal Coordinamento Fermare Green Hill.

Incatenamenti, proteste ed altre azioni eclatanti, portati avanti dal Coordinamento fermare Green Hill.

Azioni che ora presentano un conto in termini di spese legali. Attivisti indagati e inquisiti per vari reati, riferisce il Coordinamento nella sua nota, nei quali si è incorsi nello “svolgimento di questa straordinaria compagna“.

Il tutto è ora raccontato nel libro il cui ricavato servirà a sostenere le spese legali.

Il libro – riporta il Coordinamento – è il racconto della storia della campagna contro il tristemente noto allevamento di beagles da laboratorio di Montichiari, e insieme la storia degli attivisti che questa campagna l’hanno pensata, costruita e resa possibile“.

“E’ una vicenda incredibile che dimostra come poche persone ben organizzate e determinate con pressoché nessun mezzo se non una strategia chiara e intelligente possano un giorno cambiare il mondo e realizzare un sogno. E’ la storia delle paure, delle gioie, delle lacrime, dei sorrisi, dell’amarezza e della soddisfazione di chi ha lavorato e programmato, giorno dopo giorno, lo smantellamento di Green Hill e la liberazione di tutti i cani prigionieri“.

E’ la storia di un’idea e di un sogno, di una lotta per la giustizia e la liberazione animale. Di una campagna nata per chiudere un allevamento, e diventata veicolo senza precedenti della guerra contro la vivisezione“.

Questo libro – conclude la nota del Coordinamento – vuole essere quindi racconto di quanto accaduto, ma anche spinta e stimolo, affinché quel velo venga squarciato sempre più, affinché la lotta continui“.
Il libro viene venduto a euro 10 più spese postali. Per ordinarlo si può scrivere a fermaregreenhill@gmail.com

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati