GEAPRESS – Tutto falso e Green Hill è il miglior allevamento del mondo. Più o meno così, in un contradditorio continuo, si è concluso l’appuntamento che l’azienda di Montichiari aveva, infine, concesso a Striscia La Notizia. L’appuntamento in realtà era stato disdetto dopo pochi giorni. Comunicato il 27 ottobre scorso, l’azienda ha infatti poi inviato una mail alla Redazione di Striscia. Disdetta, già il due novembre. Il tempo, o quasi, del ponte di Ognisanti.

Peccato, poteva essere occasione per capirne di più. Per il resto la signora di lingua inglese incontrata da Stoppa nell’allevamento di cani beagle per la sperimentazione animale, ha puntato il dito contro tutto quello che diceva Stoppa. Niente maltrattamenti, immagini false, non è vero che c’è istanza di chiusura e così … puntandosi. Un atteggiamento che deve essere sembrato inverosimile anche allo stesso Stoppa al quale poco è servito mostrare l’Istanza di chiusura.

Ma di cosa trattasi esattamente? Pochi giorni dopo la comunicazione da parte del Ministro Brambilla di una emendamento anti Green Hill in sede di lavori della prossima legge comunitaria, è stata diffusa la notizia di un procedimento penale antecedente che riguarderebbe proprio Green Hill. L’Autorità di Polizia Giudiziaria, stante i documenti e le indiscrezioni circolate, avrebbe rilevato come nell’azienda di Montichiari, non sarebbero detenuti i registri di carico e scarico. Un illecito amministrativo, ma condizionante, secondo quanto riportato nello stesso documento agli atti della Procura di Brescia, l’autorizazione che il Comune di Montichiari ha rilasciato all’azienda. In pratica, per chi sostiene questa tesi, Green Hill dovrebbe chiudere.

Sempre secondo indiscrezioni circolate, parrebbe che all’atto del controllo non vi fossero rilevanze sia in merito alle condizioni di detenzione che alle stesse ipotesi di maltrattamento. Gli stessi cagnetti deceduti, mostrati da Striscia con le budella fuoriuscite (vedi articolo e precedente video Striscia la Notizia), sarebbero stati giustificati come esito di esami autoptici. Stante però quanto riferito dalla Signora intervistata da Stoppa nel servizio di Striscia andato in onda ieri sera (VEDI VIDEO) quelle immagini non sarebbero vere, ovvero false. Per esserne certo, l’incredulo Stoppa ne ha più volte chiesto conferma.

Peccato, poteva essere un’occasione per chiarire alcune cose sul “migliore allevamento del mondo“.

Intanto, sono già in corso i preparativi per la prossima manifestazione organizzata dal Coordinamento Fermare Green Hill il 19 novembre. Al centro dell’attenzione ancora una volta il Sindaco di Montichiari, Elena Zanola, già nota per l’infelice dichiarazione su Green Hill, un soggiorno per cani. Dopo l’occupazione da parte di alcuni attivisti del Coordinamento del tetto del capannone numero uno (quello dove sono detenuti i cani pronti a partire) il Sindaco ebbe a dichiarare che se l’allevamento era in regola, nulla poteva farsi.

Ed ora che si è saputo dell’istanza? Perchè non si procede, si chiedono al Coordinamento Fermare Green Hill? A Montichiari, fino ad oggi, il Sindaco nulla ha detto su questa istanza.

Il 19 novembre, pertanto, tutti a Montichiari più numerosi dell’anno scorso da quando, aggiungono al Coordinamento, è partita questa incredibile storia. E di questa storia, di incredibile, c’è veramente tanto. Di certo un’occasione per fare un minimo di chiarezza, è stata ancora una volta rifiutata. 

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati