beagle
GEAPRESS – Secondo indiscrezione pervenuta, l’udienza fissata per domani presso il Tribunale del Riesame di Brescia in merito alla spinosa questione del sequestro preventivo dei cani di Green Hill, sarebbe stata affidata allo stesso Giudice Relatore che già si era espresso contro tale misura cautelare.

Un atto dovuto, quello fissato per  domani, a seguito dell’intervento della Corte di Cassazione che lo scorso febbraio rinviò nuovamente la decisione, a seguito ricorso del PM,  al Tribunale bresciano. Quest’ultimo dovrà ora nuovamente decidere sul preventivo. Se cioè ristabilirlo, oppure no. La struttura, invece, non è più oggetto di misura cautelare.

Se il Tribunale del Riesame dovesse confermare il no al sequestro preventivo sui cani, rimarrebbe comunque in vigore  il sequestro probatorio. Questo, però, non potrà durare in eterno, specie quando le indagini (salvo supplementi investigativi) si  dovranno chiudere.

Quella di domani sarà comunque una nuova, ennesima,  tappa di un iter giudiziario che, dal punto di vista procedurale non presenta particolari difformità rispetto ad uno dei tantissimi procedimenti in corso presso le Procure italiane. Una peculiarità non comune è però dovuta a quel particolare “oggetto” della questione, ovvero le centinaia di cani finora sottratti al possesso di Green Hill.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati