GEAPRESS – In un articolo pubblicato da MetroNews a firma di Patrizia Pertuso, leggiamo una breve intervista rilasciata da Iva Zanicchi, Europarlamentare (Pdl), che ha votato purtroppo a favore della Direttiva vivisezione. Speriamo che quanto riportato possa essere malinteso, nel senso che la Signora Zanicchi, che tanto abbiamo apprezzato per le sue canzoni, non volesse veramente giustificarsi in tal maniera. Ricordiamo solo che gli elettori eleggono il parlamentare e non i suoi assistenti. Ovviamente saremo lietissimi di ospitare un intervento della Signora Zanicchi (non ce ne voglia se non la chiamiamo Onorevole, ma siamo troppo affezionati alle sue canzoni che ci viene difficile…) che volesse specificare meglio quanto a lei attribuito. Speriamo, come lascia intendere, che si attivi almeno per i parlamentari italiani, … direttamente, senza coinvolgere più assistenti. Ad ogni modo, subito sotto l’intervista rilasciata a Metronews,  vi alleghiamo anche la dichiarazione ufficiale di Iva Zanicchi in merito alla votazione della Direttiva. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).

Da Metronews, 15 settembre 2010

Ma lei non era un’amante di cani e gatti?

Assolutamente sì! Però ha votato a favore della direttiva Ue sulla vivisezione… Era necessario migliorare la legge esistente dell’89.

Inserendo nella lista degli animali da vivisezionare anche cani e gatti randagi?

No, questo no….

Questo prevede la legge che lei ha votato.

Comunque adesso passa tutto in mano al Governo.

Un po’ comodo non le sembra?

Avrei dovuto essere più forte e astenermi. Mi sono fidata dei miei assistenti… Non posso mica seguire i lavori di tutte le commissioni!

Mi sta dicendo che non sa cosa ha votato?

Beh… Adesso voglio rimediare: spingerò per sperimentare in vitro, tanto i risultati sono gli stessi.

______________________________

Dichiarazione ufficiale di Iva Zanicchi in merito alla votazione della Direttiva:

“Pur condividendo molte delle preoccupazioni che da più parti, anche all’interno del Governo Italiano, si sono palesate negli ultimi giorni, mercoledì, in Aula a Strasburgo – dichiara l’On Zanicchi – ho votato a favore della Direttiva del Parlamento e del Consiglio Europeo sulla protezione degli animali utilizzati a fini scientifici, così come i colleghi italiani del PPE.
Pur ritenendo che questa Direttiva non sia la soluzione ottimale, ho voluto votarla in quanto migliorativa della precedente. E’ necessario però – conclude l’On. Zanicchi – che i singoli Governi Nazionali, in fase di recepimento e attuazione della Direttiva, predispongano le misure più adeguate al rispetto e controllo dei vincoli e delle limitazioni previste per la tutela degli animali.”