GEAPRESS – Il Commissario designato alla Salute Tonio Borg (nella foto), conferma il suo intento di vietare, a partire dal prossimo 2013 la commercializzazione di prodotti cosmetici testati sugli animali. Il Commissario, dopo il primo pronunciamento dello scorso 13 novembre avvenuto in Parlamento (vedi articolo GeaPress) avrebbe confermato il suo intento in una lettera predisposta sabato scorso. Il suo impegno, avrebbe scritto il Commissario designato è quello di “non rinviare il divieto di commercializzazione di prodotti cosmetici se testati su animali”.

Ne dà comunicazione la BUAV (British Union for the Aboliction of the Vivisection) la quale ricorda l’impegno delle Associazioni componenti l’ECEAE (European Coalition to End Animal Experiments) nel rispetto della scadenza previsto dalla Direttiva europea di settore. Scadenza che da più parti, in questi ultimi mesi, si era riferito volersi ulteriormente rinviare. Le dimissioni del precedente Commissario alla Salute John Dalli e la nomina, ancora in attesa di definitiva conferma, di Tonio Borg, ha però riaperto le speranza degli animalisti che sono riusciti a raccogliere centinaia di migliaia di firme in sostegno. Messaggio, spiegano dalla BUAV, inviato ai politici ma anche a quella parte dell’industria sensibile all’argomento.

Ora il ringraziamento per i deputati che hanno sostenuto l’iniziativa riuscendo a riportarla alla ribalta. Tutto, in effetti, sembrava sopito e per i poveri animali era stata avanzata una prima scadenza al 2019 ed addirittura al 2025. Poi le dimissioni di Dalli e la designazione di Borg.

Siamo grati a quei deputati – riferiscono dalla BUAV – che hanno sostenuto la nostra campagna facendola tornare alla ribalta. Ora l’importante appuntamento è nell’agenda del Commissario designato“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati