Dame Anita Roddick
GEAPRESS – Un paese con regole ancora da allineare alle tendenze in atto in altre parti del mondo come ad esempio quelle esistenti nell’Unione Europea, che ha deciso lo stop all’utilizzo degli animali nei test cosmetici. La Cina, da sola, condiziona l’intero mercato mondiale, ivi compreso quello dei cosmetici. In altri termini si rischia di inficiare in parte i divieti già esistenti altrove, oltre che continuare a causare sofferenza e morte per milioni di animali utilizzati nei laboratori.

Per questo motivo The Body Shop, azienda leader che per prima ha imposto lo stop alla sperimentazione animale nelle sue produzioni, ha accolto positivamente la notizia che la Food and Drug Administration cinese adotterà un nuovo approccio in tema di sperimentazione  per i prodotti cosmetici. Secondo Jeremy Schwartz, Chief Executive Officer e presidente The Body Shop siamo innanzi ad un momento storico. “Ci congratuliamo con le autorità cinesi per questa importante decisione“, ha dichiarato Jeremy Schwartz. Un giudizio senz’altro significativo visto che The Body Shop è stata la prima azienda a credere nella possibilità di potere produrre prodotti di qualità senza ricorrere all’uso degli animali. Prodotti, tiene a sottolineare l’azienda, senza derivati o sperimentazione di animali, fin dal 1989.

Dal 1996 la fondatrice di The Body Shop, Dame Anita Roddick (nella foto), ha voluto inoltre unirsi alla Cruelty Free International, l’organizzazione voluta dalla BUAV (British Union Against Vivisection) che a livello mondiale si occupa della specifica problematica. Una questione, quella dei test cosmetici in Cina, sulla quale Cruelty Free International è impegnata presentando altresì proposte per le aziende (vedi articolo GeaPress).

Un presenza in prima linea, quella di The Body Shop che promette di continuare la campagna per la fine della sperimentazione cosmetica con uso di animali, in tutti i paesi del mondo.

Si attendono ora gli sviluppi del prospettato nuovo corso che potrebbe costituire un punto di non ritorno mondiale, tutto in favore degli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati