GEAPRESS – La Coalition Anti Vivisection Belga scende in piazza contro la vivisezione. L’appuntamento è per il 17 settembre prossimo davanti all’Università di Liegi. Questa Università, ogni anno, utilizza un numero impressionante di animali, tanto che è annoverata tra i grossi “utilizzatori” di animali della Vallonia.

La Fondazione Brigitte Bardot ha raccolto e rilanciato l’appello: “Nos amis Belges sont toujours très nombreux aux rassemblements que nous organisons pour dénoncer l’exploitation animale, à notre tour de les soutenir…”; i nostri amici Belgi sono sempre numerosi ai raduni che organizziamo per denunciare lo sfruttamento animale, ora è il nostro turno di sostenerli.

Ogni anno in Belgio sono  oltre 700mila gli animali “utilizzati” nei laboratori per gli esperimenti; a livello europeo, purtroppo, il Belgio è una nazione “leader” in questo campo.

La Coalition Anti Vivisection chiede la fine di tutti gli esperimenti, nel più breve tempo possibile. Chiede, inoltre,  l’immediata cessazione degli esperimenti sugli animali  che si praticano all’Università di Liegi (ULg). Cani, gatti, altri animali utilizzati per esperimenti crudeli ed obsoleti.
Per  la manifestazione del 17 settembre prossimo la parola d’ordine è   “Cela doit cesser!”, tutto questo deve finire!

Lo scorso 10 settembre, gli antivisezionisti francesi hanno manifestato a Mézilles, piccola città della Yonne, sede del più grande allevamento francese di beagle e golden  destinati alla vivisezione. 250 beagle femmine e 21 maschi, 60 golden femmine e 7 maschi, prigionieri, sono costretti a riprodursi a ritmo serrato per “fornire” i loro figli alla pseudo-ricerca medica degli umani. Ricerca che ha un solo “vero” fine: il guadagno miliardario delle industrie farmaceutiche.

Ensemble, nous pouvons faire la différence pour les animaux !”, Insieme possiamo fare la differenza per gli animali!
Leur souffrance est notre souffrance!”

Per chi vuole partecipare sono previsti pulmann da Parigi e da Bruxelles. Le armi da portare? cartelloni, fischietti, tamburi, megafoni.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati