GEAPRESS – Fino a stamani troneggiava ancora all’entrata della scuola media Frascaro di Supersano (LE).

AVVISO – Cari ragazzi e ragazze siete pregati di non dare cibo ai cani per evitare che possono trasmettere a Voi infezioni o malattie“.

Della cosa ce ne eravamo occupati ieri (vedi articolo GeaPress). A quanto pare una cagnolina vivacchierebbe nei pressi della scuola ed ha attirato l’attenzione degli sguardi impietositi degli alunni. Il Dirigente scolastico, Ing. Giovanni Parente, non ci sta. Per lui dare da mangiare potrebbe provocare infezioni o malattie (!).

Stamani GeaPress lo ha raggiunto telefonicamente con l’intento di riuscire a far togliere il cartello o in subordine, di modificare il messaggio. Abbiamo fallito. L’ing. Parente ha accolto la nostra telefonata benevolmente e con estrema cortesia, ma di togliere il cartello non ci pensa nemmeno.

Il cartello rimarrà, con lo spirito di prevenire un problema igienico“. L’ingegnere non vuole male ai cani, tiene a sottolinearlo, ne ha uno a casa che tratta benissimo, ma per quelli di strada il problema è del Comune sebbene, precisa “l’amministrazione ha sterilizzato i randagi“.

A Supersanto i randagi non sono poi molti, almeno quelli che frequentano gli edifici scolastici anzi, precisa il Dirigente “questi si vedono di meno“.

Lo invitiamo allora a riformulare l’invito. Magari assecondare l’approccio amorevole degli alunni ed invitarli ad una maggiore accortezza da concordare, auspicabilmente, con la stessa direzione scolastica.

Niente da fare, l’Ingegnere Parente, sempre cortesissimo, rimane però irremovibile, anche quando gli si dice che il cartello, scritto così, parrebbe quasi che individui nell’atto di dar da mangiare ai cani la causa di malattie ed infezioni. Niente, se qualche persona ha dubbi può rivolgersi a lui e spiegherà lo spirito dell’invito. Ancora oggi, invece, non è stato possibile sentire il Sindaco di Supersano. Nel frattempo, magari, gli alunni della scuola potrebbero fornire un po’ di cibo ai randagini in uno spazio pubblico fuori dalla scuola. Li, tranne autonome norma locali, non dovrebbe succedere niente (forse). (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).