GEAPRESS – Appena dieci giorni fa, Enrico Rizzi, Coordinatore Nazionale del Partito Animalista Europeo, aveva inviato una sorta di “ultimatum” al Sindaco di Trapani, dott. Vito Damiano ed al responsabile del canile municipale. Oggetto della questione era la richiesta di organizzare nel più breve tempo possibile un tavolo tecnico che si avvalesse anche della presenza dello stesso Rizzi.

La diffida era stata trasmessa anche al legale del giovane esponente animalista, Avv. Donatella Buscaino. In tal maniera, aveva detto Rizzi, ci riserviamo di intervenire con ogni azione giudiziaria per garantire la tutela degli animali.
Ed invece ieri mattina la “soffiata”. Fanno la riunione ma senza lo scomodo Rizzi.
“Almeno si sono smossi”, era stato il commento a caldo del Coordinatore del PAE, che ora si prende la rivincita comunicando l’esito, ancora ignoto, di quella riunione.

Sapevo benissimo che non avrei mai preso parte a quel tavolo tecnico anche se confidavo in una loro apertura ad un dialogo propositivo, ma evidentemente sono una persona scomoda perché schietta – dichiara Rizzi – Quello che mi interessava era comunque eliminare le gravi irregolarità e ci sono riuscito. Da questa settimana e per quelle che verranno, infatti, il canile municipale la domenica rimarrà aperto, permettendo agli animali di ricevere regolarmente acqua e cibo, ed il servizio di accalappiamento dei randagi in caso di necessità anche in orari extra-lavorativi verrà garantito tutti i giorni. Certamente è un ottimo risultato ottenuto ma attendo sempre la risposta del Comune alla mia diffida per visualizzare i verbali redatti nella riunione di ieri. Nello stesso tempo – conclude Rizzi – mi auguro che vengano fatti in tempi brevi i lavori di ristrutturazione all’interno della struttura affinché ci si metta in regola con le normative vigenti in materia di benessere animale“.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati