GEAPRESS – Secondo il quotidiano on line di Bratislava, in lingua italiana, “La Voce della Slovacchia” il Sindaco di Druzstevnej pri Hornade, ha confermato ai rappresentanti della protezione animale di avere autorizzato le comunità Rom a cacciare cani e gatti. Con quale scopo? Quello di mangiarseli!

Andrej Sabol, questo il nome del Primo cittadino, vuole così risolvere il problema del randagismo. Non solo. I randagi peserebbero troppo sui conti pubblici ed in tal maniera si è detto addirittura orgoglioso di darli a mangiare agli zingari. Non sappiamo come abbia reagito la comunità Rom slovacca e se, tra le sue abitudini alimentari, come quelle di altri paesi, rientri pure il cane ed il gatto. Tanto per non indurre in antipatie razziali ricordiamoci che in Italia vi sono posti dove alcuni cittadini (di origine NON Rom) mangiano i gatti, questo nonostante la legge lo vieti.

Forse però dietro la proposta del Sindaco slovacco si nasconde un po’ di scarsa considerazione non solo per cani e gatti. Avrebbe infatti dichiarato, a proposito degli zingari, che tanto “questa gente li mangerebbe comunque”. Inoltre è importante che si sappia che i cani non votano mentre le persone chiedono a lui di essere protette dai randagi.

Per fortuna anche in Slovacchia è vietato cibarsi di cani e gatti. La rappresentante della protezione animale ha chiesto comunque le dimissioni del Sindaco e la denuncia nei suoi confronti per crudeltà nei confronti degli animali.(GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).