randagio
GEAPRESS – Non avrebbe fornito plausibili spiegazioni in merito al ritrovamento del suo cane. Questo dopo che i Carabinieri della Stazione di Santa Lucia, a seguito di accurate indagini, avevano appurato come il povero animale era in strada ormai da mesi.

Per questo l’uomo è stato denunciato con l’accusa di abbandono di animali (art. 727 Codice Penale) ed è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria.

I Carabinieri del Comando Compagnia di Siniscola, in provincia di Nuoro, sottolineano ora come simili comportamenti contribuiscono ad alimentare il fenomeno del randagismo contro il quale è stata messa in campo una vera e propria Task Force a seguito dei gravi episodi che si sono ripetuti di recente.

In particolare viene evidenziata l’aggressione ad un bambino che ha purtroppo riportato gravi lesione oltre agli attacchi nei confronti delle greggi. Dunque, il problema del randagismo è stato affrontato alla fonte, sanzionando chi responsabile di abbandono.

Per tentare di porre fine al problema, il Comando Stazione di Santa Lucia, sensibilizzati il Servizio Veterinario di Siniscola, il Sindaco, il Comandante dei Vigili Urbani ed il responsabile del servizio di accalappiacani, ha organizzato una serie di servizi mirati all’individuazione ed alla localizzazione dei randagi. In questo contesto è stata evidenziata la presenza del cane con il microchip. Si è così arrivati al proprietario ed al deferimento di quest’ultimo all’Autorità Giudiziaria.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati