GEAPRESS – Ogni giorno incredibili storie di cronaca, raccontano di cani ed altri animali maltrattati nelle maniere più incredibili. Solo ieri (vedi articolo GeaPress) abbiamo trattato la storia di Rocco, randagino della provincia di Vicenza finito con quattro diversi tipi di fucili. Si potrebbe continuare così ancora per molto. Cani e gatti nei cassonetti dell’immondizia, ma anche piccole iguane e tartarughine finite nello sciacquone del water e ritrovate nelle griglie dei depuratori. Non tutto, però, presenta questi epiloghi. Grazie, infatti, ad un vero e proprio esercito di volontari che, ogni giorno, in ogni angolo d’Italia si prodigano per gli animali, molte di queste storie vanno a buon fine; altre …. attendono nei rifugi ed altre ancora possono riservare dei risvolti che nessun controllo post affido avrebbe mai potuto immaginare.

Sancho è un vivace cucciolino trovato ed accudito dai volontari della Lega Nazionale Difesa del Cane di Molfetta (BA). E’ stato abbandonato, come tanti altri. I volontari si mettono all’opera e trovano una buona, anzi ottima sistemazione in centro Italia. Sancho è stato fortunato, trova un ragazzo eccezionale. Stanno sempre assieme, corrono, giocano, passano ore, anzi mesi, indimenticabili. In tutto otto mesi di assoluta felicità. Una storia molto bella che di sicuro aveva dato tanta serenità e spensieratezza. Poi un brutto giorno il suo padroncino si ammala. La diagnosi non è positiva e Sancho non può più correre appreso a chi gli aveva donato la felicità. Il suo padrone continua a volersi occupare di lui. Si instaura così un altro modo di volersi bene nonostante il mondo fatato dei mesi passati si mantiene distante. Sancho è sempre lì, accanto a chi sempre gli vuole bene ed anzi pretende che la persona che ora lo assiste sia un amante degli animali. Contemporaneamente però il suo padroncino si deve rivolgere di nuovo ai volontari di Molfetta che mai avevano considerato di doversi occupare di un nuovo affido di Sancho.

Un grande animo per un grande amore, innanzi tutto del padroncino di Sancho ma anche dei volontari della Lega Nazionale Difesa del Cane. Siamo certi che Sancho avrà ancora una volta corrisposti tutti i desideri del suo giovane padroncino. Questa è la solita mail che GeaPress metta a disposizione per fare da tramite con i volontari info@geapress.org. In cuor nostro speriamo che questa storia serva a riflettere su come, nonostante tutto (basti considerare i quotidiani disastri ….) le cose possono essere viste nel giusto verso che è, appunto, quello della speranza. Nonostante tutto. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).