GEAPRESS – Investito, morto e dimenticato sotto la calce. Questa la sorte che sarebbe toccata ad un grosso rottweiler, rimasto vittima con tutta probabilità dell’impatto con un veicolo in corsa. Il fatto sarebbe successo non meno di una settimana addietro. Il suo corpo, però, giace ancora sul ciglio della carreggiata. Coperto di calce, come una statua. Siamo nella Strada Statale 624, a pochissimi chilometri da San Giuseppe Jato, in provincia di Palermo.

Eravamo da quelle parti alla ricerca di un altro cane ferito – racconta a Geapress Giuseppe Purpi, volontario della Lida Palermo – ma appena ci siamo accorti di quello strano ammasso a ridosso della strada, ci siamo fermati per capire la situazione”.

Il grosso animale, riferiscono increduli i volontari, era cosparso di calce, quasi completamente.

Abbiamo chiamato i Carabinieri – aggiunge nel suo racconto Giuseppe Purpi – poi la Polizia Municipale e l’Anas, senza ottenere alcuna risposta soddisfacente.”

Il corpo del povero animale, secondo quanto sostengono alcuni residenti del luogo, sarebbe stato letteralmente abbandonato. Nulla, poi, sull’eventuale presenza del microchip.

Chi ha sparso poi la calce, quale unico intervento per provvedere ai resti del cane? Intanto all’Anas sarebbe arrivato un sollecito da parte della Polizia Municipale. Lo riferisce a GeaPress lo stesso Comando. Ma la carcassa è ancora lì.

Forse l’utilizzo della calce non era previsto solo in termini provvisori.

San Giuseppe Jato, come tantissimi Comuni della Sicilia, non ha previsto, fino ad oggi, alcuna struttura pubblica a sostegno degli animali. Ne dà conferma a Geapress la stessa Polizia Municipale. Tuttavia, l’attuale amministrazione sembrerebbe indirizzata, finalmente, verso quell’intesa intercomunale, indispensabile per un’efficace tutela del benessere degli animali.

Lo smaltimento delle carcasse animali, non debitamente programmato presso molti Comuni, è solo uno degli aspetti del randagismo, fenomeno attualmente incontrollato, e ormai difficilmente controllabile. Per questa ragione, tantissimi animali, senza i dovuti interventi, sono destinati a rimanere in strada, in qualsiasi condizione. Vivi o morti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati