cane rossano
GEAPRESS – E’ andato via questa notte, tra atroci sofferenze, il piccolo cane di circa sei mesi di vita rinvenuto ieri in una discarica abusiva di Rossano Calabro, in provincia di Cosenza.

Non c’è stato tempo di completare le analisi cliniche che, dopo tante telefonate, erano state previste grazie alla disponibilità di un ambulatorio veterinario privato. Appena il tempo delle flebo per contrastare la disidratazione ed una prima terapia di base.

La peggiore delle previsioni si è purtroppo avverata – riferisce a GeaPress Katia Forciniti, la volontaria del luogo che si era presa cura del cucciolo –  Le condizioni era apparse subito molto gravi e di certo i problemi di base che lo hanno portato alla morte, sono stati  l’abbandono e il disinteresse. Quanto mi sono recata nel luogo della segnalazione – aggiunge la volontaria – ho trovato questo esserino inerme; sembra di legno accartocciato. Ed invece era un cagnolino di non più di sei mesi di vita“.

Purtroppo situazioni drammatiche come quella nella quale è incorsa la volontaria, non sono poi così infrequenti. “Mi è già successo – aggiunge Katia Forciniti – in almeno altri quattro casi. Casi gravissimi ma questo è l’unico cagnolino che è morto“.

Nei luoghi vi sono a quanto pare alcune strutture di ricovero ma nessuna sembra aver fornito disponibilità.

Il cagnolino è stato recuperato ieri intorno alle 14.00. La giornata era decisamente calda ma, ovviamente, è impossibile stabilire  da quanto tempo era stato gettato nell’immondia. Possibile, si chiede la volontaria, che nessuno aveva fino ad allora  notato il cucciolo di appena sei mesi bisognoso di aiuto?
© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati