romania save the dogs
GEAPRESS – Tante storie si rincorrono in queste ore in Romania. Fatti meno noti che riferiscono di persone che pur di evitare l’accalappiamento dei cani, li raccolgono dalla strada portandoli a casa. E’ successo così per alcuni cani della città portuale di Costanza ed altri che stazionavano difronte il supermercato di Timisoara, città nella parte nord occidentale del paese.

Da una punta all’altra della Romania, verrebbe da dire. Chi può cerca di evitare la mannaia della legge approvata nel mese scorso dal Parlamento rumeno che impone la soppressione dei cani dopo 14 giorni dall’accalappiamento. Divieto anche di immissione nel territorio e per questo i canili sono ormai stracolmi fino alla “soluzione” finale.

Tra le tante storie nelle quali i volontari di Save The Dogs sono impegnati in questi giorni c’è il recupero di un cagnetto ormai ridotto a pelle, ossa e … rogna (nella foto). Il luogo viene mantenuto rigorosamente segreto perchè il cagnolino potrebbe essere  individuato dagli accalappiatori comunali secondo le disposizioni della nuova legge “ammazza-randagi”. Inutile aggiungere che nel caso tutto ciò avvenisse, è estremamente improbabile che nei 14 giorni pre-morte qualcuno si impegni in una terapia in suo favore. Le condizioni di molti canili rumeni sono state in più occasioni denunciate.

Ad accorgersi di lui è stata la volontaria svizzera delle adozioni di Save The Dogs. Congiuntamente alle volontarie di Asociatia Staad, un’associazione animalista rumena, si sta ora cercando di poterlo recuperare, ma il cagnetto di farsi prendere proprio non ne vuole sapere. La zona è tenuta discretamente sotto controllo. Il rischio è che senza volerlo, si possa così indirettamente segnalarlo agli accalappiatori comunali.

Uno dei tanti cani, che ha urgente bisogno di aiuto. E’ questo l’appello lanciato da Save The Dogs che invita a DONARE  in favore dei cani rumeni. Dalla strada devono andare via prima possibile.  Ora più che mai è fondamentale salvare quanto finora di buono si è fatto in quel paese. Cani tolti dalla strada, trasporti per adozioni sicure in altri paesi ed i lavori per una clinica di pronto intervento.

Solo grazie a queste DONAZIONI  sarà possibile fornire un aiuto immediato ai cani tolti dalle grinfie dell’accalappiamento, ma soprattutto, nel medio termine, ristabilire l’esigenza di una giusta e valida alternativa alla morte. Dati alla mano, in Romania le città con minori morsicature sono quelle dove hanno operato i progetti di sterilizzazione e adozione. Non annulliamo questa speranza abbandonando il tutto nelle mani della  morte. Per un aiuto a SAVE THE DOGS basta un CLICK

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati