seminario roma
GEAPRESS – Lo spostamento di animali d’affezione dai paesi del sud e dell’est dell’Europa verso il Nord per essere collocati presso famiglie adottive. Un fenomeno che negli anni ha assunto un rilievo importante che coinvolge numerose associazioni animaliste in tutto il continente.

I numeri, riporta una nota di save the Dogs, sono diventati così rilevanti da aver spinto di recente la Commissione Europea a modificare la legislazione in materia, equiparando i movimenti effettuati dal mondo del non-profit a quelli commerciali, proprio per rendere più trasparenti tali attività.

Per fare il punto sulla situazione e discutere sull’utilità delle adozioni internazionali, l’associazione romana EKOS PET ha organizzato un seminario che si terrà il giorno 23 maggio presso l’Hotel Universo, via Principe Amedeo 5/b, Roma, a partire dalle ore 9.30. L’incontro prevede l’intervento di alcuni rappresentanti di associazioni internazionali tedesche, della dottoressa Rosalba Matassa del Ministero della Salute e della presidente di Save the Dogs Sara Turetta.

Sono felice di essere stata invitata dagli amici di EKOS PET a portare la nostra esperienza  – commenta Sara Turetta,  fondatrice di Save the Dogs – perché ritengo che ci sia un gran bisogno di parlare di adozioni internazionali in modo professionale e sereno, senza le esasperazioni e i pregiudizi che caratterizzano da decenni il dibattito animalista italiano”.

Save the Dogs opera in Romania dal 2002 e da 10 anni ha attivato un programma di adozione all’estero dei cani soccorsi in questo paese caratterizzato da un randagismo da record.

Nel 2014 nella sola capitale romenala sola Bucarest, sono stati eliminati circa 30.000 cani. Questo secondo le stesse autorità locali.

Da sempre l’associazione italiana presieduta da Sara Turetta difende la scelta di collocare la maggior parte degli animali salvati in Romania in paesi stranieri, pur sottolineando la necessità di operare nella massima legalità e di promuovere allo stesso tempo una cultura delle adozioni a livello locale.

Purtroppo assistiamo sia in Italia che in altri paesi a spostamenti fatti in maniera improvvisata – continua Turetta – senza sufficienti garanzie sanitarie sul fatto che gli animali che vengono movimentati siano in buona salute, o senza le dovute misure per garantire il benessere degli animali trasportati. Il seminario – ha concluso la presidente di Save The Dogs – sarà l’occasione per spiegare come a nostro avviso vanno gestite le adozioni all’estero e quale senso ricoprano all’interno di un progetto più articolato come quello che portiamo avanti in Romania”.

La partecipazione al seminario al numero chiuso. Per iscrizioni: http://www.ekospet.org/

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati