GEAPRESS – Polemica tra l’Associazione Earth ed i Vigili Urbani di Roma. Questo perché  denuncia Valentina Coppola, presidente di Earth, molte delle segnalazioni spesso facenti parte di vere e proprie denunce ben verificate e documentate, rimarrebbero per troppo tempo ferme. Occorrono, riferisce in un suo comunicato l’Associazione Earth, telefonate, fax, esortazioni e promesse di denuncia per far prendere in carico le pratiche.

La cosa si sarebbe poi complicata negli ultimi mesi. “I Vigili Urbani – riferisce Valentina Coppola – girano il tutto al gruppo NAE, il gruppo destinato a minori ed emarginati”. Fatto, quest’ultimo, che sarebbe stato riscontrato anche dagli stessi operatori di Earth i quali, per avere notizie sulle segnalazioni inviate, si sentirebbero rispondere che “ci sono altre priorità”. L’ultimo caso riguarderebbe un esposto per omissione di soccorso nei confronti di un guidatore che ha investito, senza fermarsi, un gatto. Fermo da quattro mesi, denuncia Earth. Anzi, per avere una risposta, Earth ha dovuto ricorrere al TAR.

Poi il cane Husky visibilmente zoppo in zona Giustiniana. A quanto pare ha un padrone ma viene lasciato libero di attraversare la strada e sembra non ricevere cure veterinarie. Eppure, denuncia ora Earth, all’ennesima telefonata verso il gruppo NAE del XX municipio per esortare un intervento, l’operatore di Earth si sarebbe così sentito rispondere: “siamo solo in 4 e siamo tutti impegnati per gli sgombri, poi non sono sicura che il proprietario sia obbligato a far curare il cane da un veterinario… chiederò al capoufficio”.

Possibile che sia avvenuto tutto ciò?

Di certo, asserisce Valentina Coppola “il nostro operatore ha dovuto spiegare al Vigile come la normativa vigente riconosce il maltrattamento anche nell’omissione di cure veterinari. Vogliamo sperare – conclude polemicamente Valentina Coppola – che un animale maltrattato per l’amministrazione non valga meno di una carta gettata in terra“. L’appello è ora rivolto all’Assessore Visconti, delegato al ramo.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati