GEAPRESS – Da chissà quanti giorni, alcuni cuccioli di cane stanno patendo l’inerzia delle istituzioni. Oltre a ciò anche i gravi problemi di salute, tra i quali quello di presentare la superficie del corpo piagata.

La segnalazione è pervenuta all’Associazione Earth lo scorso 2 maggio. Già allora i cuccioli di Monte Compatri-Colonna erano in quello stato. Eppure da allora non c’è stato verso di smuovere le autorità competenti. Gli animali continuano di fatto a vivere grazie all’assistenza fornita dai volontari dell’Associazione oltre che ad alcuni cittadini di Monte Compatri.

I Carabinieri del posto avrebbero riferito che non è di loro competenza allertare l’ASL, mentre il Comune, secondo l’ASL Roma H contattata da EARTH, non ha struttura per il ricovero. I tre cuccioli continuano a rischiare la vita, giorno dopo giorno.

E’ inaccettabile” spiega Valentina Coppola, presidente di EARTH, “mentre i Carabinieri non ritengono di essere tenuti ad allertare la ASL, il Comune non provvede alla costruzione del canile sanitario e la ASL non effettua cure in loco, la sorte di questi cuccioli potrebbe essere segnata”.

Il Sindaco del paese, intanto, è divenuto oggetto dell’esposto presentato ad EARTH alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma. La legge, infatti, attribuisce al primo Cittadino precisi compiti di intervento in tema di randagismo e benessere degli animali.

E’ necessario – ha spiegato la Presidente di EARTH – che tutti sappiano in quali condizioni versano i Comuni del Lazio circa la prevenzione del randagismo ed il benessere degli animali“.

Per tale motivo l’esposto è stato inviato per conoscenza all’Assessore all’ambiente della Regione Lazio, Marco Mattei e a Michele Civita, Assessore all’ambiente della Provincia di Roma.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati