mortara sl
GEAPRESS – In una delle “capitali” delle “mille occupazioni abusive”, si pensa a sgomberare un canile.

Sembra suonare così la denuncia di Dacci Una Zampa Onlus, dopo che le voci sul possible sgombero del canile occupato sembrano essersi fatte più insistenti.

Anzi, secondo un comunicato diffuso dalla stessa associazione, viene riferito di indiscrezioni secondo le quali è stato individuato un posto, presso canili privati, dove trasferire i cani attualmente ospitati nella struttura.

Come è noto, il canile di Mortara, sebbene inaugurato nel 2008, non ha mai aperto i battenti. I legali dell’associazione, riferisce Dacci Una Zampa Onlus, avevano  trovato lo strumento per “normalizzare” temporaneamente la situazione depositando una richiesta di ordinanza contingibile e urgente per l’affidamento provvisorio della struttura. Poi gli appelli ai commissari prefettizi (come è noto il Consiglio Comunale è stato sciolto con provvedimento del Ministro dell’Interno nell’ottobre 2012).

Ora le voci sempre più insistenti, di un prossimo provvedimento di sgombero. Ed i cani che fine faranno? Chi sostiuirà l’unico approdo per i randagi venutosi a creare a seguito dell’occupazione?

Settanta cani recuperati, sedici già affidati, altri sei nella sola giornata di oggi, nuovi volontari, iniziative di appoggio e raccolte di materiale promosse spontaneamente dagli esercizi commerciali.

Per questo, i volontari scelgono di rivolgersi ancora una volta alla città  “che da sempre è stata il nostro unico interlocutore e da subito ci ha dato aiuto e appoggio” ed invitano tutti ad aderire alla  campagna “Io per i cani di Mortara ci metto la faccia” che oggi fa un passo in più: nel profilo facebook Occupy Canile saranno a breve disponibili le modalità della protesta alla quale Dacci una Zampa Onlus chiederà a tutti di aderire.

“Noi  continueremo a resistere – conclude il suo comunicato Dacci Una Zampa Onlus –  ma per farlo abbiamo bisogno dell’appoggio che fino ad oggi la città non ci ha mai fatto mancare”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati