canile presidio
GEAPRESS – Si è risolta in maniera positiva, a sentire gli animalisti, la riunione tenutasi stamani tra l’Assessore Francesco Maria Raimondo, i rappresentanti del Comune di Palermo presso il canile municipale e quelli delle associazioni animaliste. L’incontro era stato convocato a seguito della clamorosa manifestazione che si era svolta ieri innanzi alla struttura. Una quarantina di animalisti erano riusciti di fatto a sospendere i trasferimenti dei cani presso un canile convenzionato della provincia.

Alla riunione di oggi erano altresì presenti i Consiglieri Comunali Fabrizio Ferrara (lista Ora Palermo), Filippo Occhipinti (IDV) e Paolo Caracausi (IDV) che avevano sposato la tesi sostenuta dagli animalisti, ovvero che quei trasferimenti non sarebbero potuti avvenire.

Stante le prime indiscrezioni è stata proprio la presunta convenzione al centro dei chiarimenti chiesti dall’Assessore Raimondo che, tra le Deleghe, ha proprio quella ai Diritti Animali. Lo stesso, in attesa di avere definito il quadro della vicenda, ha poi sospeso i trasferimenti presso il canile convenzionato. Dovrebbero, invece, essere confermati quelli verso una secondo canile, nelle Madonie, con il quale gli attivisti hanno da tempo una positiva collaborazione.

Si vedrà, dunque, nei prossimi giorni come si stabilizzerà la vicenda che sembra ora segnare un nuovo punto a favore degli animalisti.

Siamo molto soddisfatti dell’incontro di oggi – ha riferito a GeaPress Alessandra Musso, responsabile cittadina della LIDA – L’assessore è sembrato aver ben recepito tutte le perplessità da noi avanzate su questa vicenda. I cani, nel caso, potevano forse  essere spostati in presenza di una convenzione e di quella siamo ancora in attesa. Siamo fiduciosi nell’intervento dell’Assessore Raimondo”.

Dunque, il furgone con i cani di Palermo, per ora non parte più. Gli animalisti, che si erano asserragliati ai cancelli della struttura anche nella notte,  vogliono però andare avanti su un altro aspetto della vicenda. Dove sono finiti tutti i cani fino ad ora accalappiati e trasferiti fuori Palermo?

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati