GEAPRESS – E’ iniziata ieri, e sarà aperta fino al 30 Giugno, la mostra fotografica “Tuteliamo gli animali”, organizzata, presso il Mondadori Center, a Palermo, da Alessandra Di Piazza e da altri volontari. Il Direttore, Stefano Malgrati, da sempre sensibile alle problematiche animali, ha sposato e promosso tale iniziativa, mettendo a disposizione l’ampio salone dell’ultimo piano della Libreria di Via Ruggero Settimo.

Diversi, e necessariamente collegati, i temi trattati: il randagismo, i casi di abbandono, gli avvelenamenti su Palermo e Provincia, le mancate sterilizzazioni. Per discutere ed affrontare queste tematiche, la mostra, nella giornata di ieri, ha avuto inizio con un dibattito ad hoc, a partire dalle 18:30.

Purtroppo, però, nonostante la cura e la meticolosità dei preparativi, specie nella raccolta di video e di foto rappresentative, l’incontro è stato pressoché disertato da Sindaci, Assessori e funzionari delle amministrazioni comunali e provinciali, che pure avevano, in qualche modo, garantito la loro presenza.

Pertanto, nonostante la forte partecipazione emotiva dei presenti, il confronto non si è realizzato come sperato, proprio per l’assenza di una parte, necessaria, del contraddittorio. Unica rappresentante del mondo politico, il Consigliere comunale Nadia Spallitta, mostratasi, sin da subito, vicina alle esigenze degli animalisti, aperta al dialogo e fiduciosa in una reciproca collaborazione.

Giuseppe Purpi, tra gli organizzatori dell’evento, dichiara: “Speravamo nella partecipazione di più rappresentanti istituzionali, unici con i quali potersi effettivamente confrontare, ai quali avanzare proposte concrete e da cui pretendere risposte necessarie per migliorare la nostra realtà, ormai intollerabile”.

Alessandra Di Piazza, promotrice dell’iniziativa, aggiunge: “Dopo un incessante lavoro, le nostre aspettative erano senz’altro diverse. Prendiamo atto – continua la volontaria – ancora una volta e con amarezza, del fatto che gli animali non ricevono, dall’alto come dal basso, adeguate attenzioni, benché leggi e regolamenti impongano precisi doveri e responsabilità per la loro cura, per la loro tutela e per il loro benessere”.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: