GEAPRESS – Prima invia i cani nelle strutture private convenzionate che però non catturano più, poi si accorge che nonostante l’impegno profuso un numero elevato di cani continua a vagare, infine determina il grave pericolo ed ecco che per questo il Sindaco dei fatti e non delle parole (come recita il suo motto elettorale) dispone l’abbattimento dei cani randagi. In Sardegna, perciò, gli vorrebbero dare fuoco (vedi articolo GeaPress) ed in Campania il Sindaco di Altavilla Irpinia (AV) li vorrebbe abbattere, sempre però se di comprovata pericolosità.

Per l’esecuzione l’Avv. Sindaco Alberico Villani, dispone al Comando Carabinieri di concerto con la Polizia Municipale. Il tutto dovrebbe già essere stato inviato al Servizio Veterinario Ausl di Avellino, al Prefetto oltre che a Carabinieri e Polizia Municipale.

In pratica, preso atto che le convenzioni con i privati non hanno risolto il problema del randagismo, per fronteggiare la pericolosità dei cani il Sindaco Villani al posto di rimediare in maniera incruenta, magari cambiando la politica di prevenzione del randagismo, ne dispone invece l’uccisione. Chissà quanti cani randagi sono stati sterilizzati e  quanti microchip sono stati applicati ai cani, vaganti e padronali, del suo Comune, e chissà quanti controlli sono stati fatti dai Vigili Urbani sull’effettivo possesso dello stesso. Il Sindaco intanto non indietreggia e l’Ordinanza troneggia finanche in primo piano nel sito del suo comune.

Per conoscere meglio in Sindaco vi proponiamo il suo, forse un pò troppo cadenzato, video elettorale. Buona visione.(GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).