GEAPRESS – E’ scesa in picchiata, la temperatura a Mirabello Sannitico, in provincia di Campobasso. I cani, i vecchietti accuditi da Maria Rosaria e Giusi Romano, hanno già i loro cappottini. Tutti cani anziani e malandati. Gli ultimi tra gli ultimi, si dice a Mirabello. Da lunedì, temperature che sfioreranno lo zero e poi, la neve.

Bella di Savino, Orso ed altri nomi che richiamano la severità dei luoghi ma anche la dolcezza di chi giornalmente accudisce loro. Aiuti indispensabili e particolari. Tante storie e tanti drammi.

Mosè, poi, le supera tutte. Una notte fredda ma nel rifugio di Maria Rosaria si continua a lavorare. Poi l’allarme. “C’è un cane nella cunetta, corrette subito“. Non c’è tempo per un aiuto istituzionale. Mosè è lì, nella pozza. Balzato probabilmente a seguito di un investimento. Piove a dirotto. Autunno avanzato. L’aria è gelida e Mosè è nella cunetta diventata una pozza torrentizia, fangosa, fredda. Mezz’ora di ritardo al massimo e la cunetta diventerà un torrentello. Mosè, in un certo senso, viene anch’esso salvato dalle acque.

Le sue zampe, rileverà il referto veterinario, sono irrecuperabili. Di sicuro quelle posteriori. Vita ancor più dura per un cane del canile. Quasi impossibile un’adozione: adulto, doppiamente zoppo, non particolarmente bello (…per i canoni in voga). Solo “demeriti“; non vengono mai calcolati i meriti, quelli veri, come la capacità di amare, la giocosità o la discrezione, lo sguardo che ti accarezza l’anima o la riconoscenza profonda che ti avvolge in un abbraccio, il sentirsi amato senza “se” e senza “ma“.

Sta di fatto che Mosè non lo vuole nessuno. Tranne Maria Rosaria e la figlia Giusi che da sette anni vivono con lui e con gli altri vecchietti di Mirabello. E proprio quell’amore incondizionato e le costanti cure mediche hanno fatto il miracolo. A poco a poco Mosè ha ripreso l’uso delle zampe, zoppica un po’ ma le poggia a terra.

Non scordatevi di Mosè e degli altri vecchietti di Mirabello Sannitico. L’anno scorso, riferisce Maria Rosaria Romano, i cani si salvarono dalle neve grazie alle donazioni dei lettori di GeaPress. Diamo un attimo di felicità anche ai cani scordati da tutti.

Se vuoi contribuire al rifugio dei vecchietti di Mirabello Sannitico, puoi accedere a questa pagina.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati