GEAPRESS – Altri 30 centimetri di neve che stanno rendendo complicato, tra gli innumerevoli problemi sollevati dall’ondata di maltempo, spalare le strade di Mirabello Sannitico (CB). Lo stesso paese è di fatto intasato dalla neve. A riferirlo a GeaPress è lo stesso Sindaco Luciano Di Biase, da noi contattato a seguito della drammatica situazione nella quale si è venuto a trovare il rifugio di Maria Rosaria Romano (vedi articolo GeaPress).

Poi ci sono gli oltre sessanta chilometri di strade interpoderali, tra cui quella del rifugio. In tutto i mezzi che ha a disposizione il Comune sono solo tre spalaneve. Neanche il tempo di liberare una strada e già poco dopo è di nuovo bloccata dalla neve.

Stamani, alle 12.15, dopo una notte drammatica, il Sindaco stesso ci ha comunicato che lo spalaneve è finalmente arrivato al rifugio di Maria Rosaria. Peraltro, nella zona, vi era una famiglia isolata.

Ieri sera, dopo le telefonate intercorse con l’Ufficio di Gabinetto della Prefettura di Campobasso e con la Protezione Civile, due Vigili del Fuoco hanno potuto raggiungere a piedi il rifugio sommerso dalla neve. Tutto quello che però hanno potuto fare è stato impilare le pedane di legno nella stanza dove già era ceduta una trave. Un recinto, invece, era già crollato, mentre altri quattro presentano ora le travi gravemente danneggiate sotto il peso della coltre nevosa. Il manto bianco sta aumentano di ora in ora e nessuno è riuscito a porre rimedio. Gli stessi Vigili del Fuoco hanno rilevato come senza mezzi adeguati, non vi sia molto da fare. Qualora fossero saliti sul tetto, ne avrebbero provocato il crollo a causa del loro stesso peso.

Maria Rosaria Romano, lancia una appello a chi può, tra le ditte o semplici privati del posto, a fornire le impalcature necessarie a puntellare i tetti. Occorrerebbe anche particolare attrezzatura, tipo bobcat, per consentire il veloce accesso nello stesso rifugio di fatto sommerso anche nelle parti interne dalle neve. GeaPress mette a disposizione la sua mail (info@geapress.org) pregando di utilizzarla solo per disponibilità concrete. Niente auguri o domande su come stanno gli animali; rischiano solo di intasare la mail. Per chi volesse invece contribuire con una donazione di denaro è disponibile la pagina (VEDI PAGINA DEDICATA) che GeaPress già nelle scorse settimane aveva messo a disposizione per il Rifugio di Mirabello Sannitico.

Allo stato tutti i cani sono salvi, mentre i gatti che si era riusciti a far fuggire prima del crollo del tetto, sono stati avvistati. Solo per due, però, si è arrivati a sistemarli in un locale sicuro.

Purtroppo i prossimi giorni non prevedono nulla di buono. Altre nevicate e, secondo alcune previsioni, a partire dalla seconda metà della settimana, pure pioggia. L’ammasso nevoso diventerebbe a quel punto insostenibile.

PER AIUTARE I CANI DI MIRABELLO SANNITICO CLICCA QUI

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati