GEAPRESS – Una storia contraddistinta dalle carte delle querele. Michela e Susanna sono le due immagini di una vicenda nata a Lecco, sulla gestione del locale canile. Michela (Brambilla) dentro e Susanna (Chiesa) fuori, come tanti ex volontari. La prima naviga nei cieli della passione politica approdando di recente alla Federazione di Associazioni animaliste, da lei voluta e presieduta, che oggi pubblica uno strano articolo. La Brambilla sarebbe stata oggetto di uno dei soliti attacchi al centrodestra da parte di Repubblica. Qui, infatti, appare uno stralcio di una lettera dove l’Assessore alle attività produttive del Comune di Lecco definisce il canile vecchio e malandato.

Tutto falso, per la Brambilla, e guai a chi ne riprenderà il contenuto (testate on line comprese) dal momento in cui contro di loro scatterà l’anatema querelante già annunciato ai danni di Repubblica. Anzi lo stesso giornale è ispirato, ovvero (tradotto) traviato. La perfida musa non è il centro sinistra ma addirittura Susanna Chiesa. I legali della Brambilla avranno ora un bel da fare, visto che l’innominabile attacco al centrodestra è su tutti i giornali (anche di destra …)

Abbiamo tentato di metterci in contatto con l’On.le Brambilla ma dal suo ufficio stampa confermano solo che si tratta di un attacco politico basato su cose non vere. Dunque, per l’ex Ministra, è tutto falso. Di certo un brutto affare, fosse solo perché proprio in questi giorni si sta discutendo su dove portare i cani di Green Hill e non certo quelli del canile di Lecco, per i quali ora l’Assessore chiede aiuto. Anche qui, però, è tutto a posto. Il canile è aperto, dice Michela. Il canile deve chiudere, ribatte Susanna che della vicenda  ne parla apertamente. Fu lei, la Presidente dell’Associazione “sedicente”  (così la Brambilla ha definito Freccia 45)  che nel febbraio scorso scoprì le scimmiette destinate alla Harlan ed è stata sempre lei a non mollare mai la presa venendo infine a scoprire come gli stessi animali, sono ancora negli stabulari di Correzzana.

Non possiamo che dichiararci soddisfatti” ha dichiarato Susanna Chiesa a proposito del canile della LEIDAA [ndr, l’Associazione delle Brambilla] – “Finalmente, dopo anni ed anni, l’Amministrazione Comunale ci ha dato ragione. Questa volta giustizia è stata fatta”.

Dunque tra Susanna e Michela la storia continua.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati