GEAPRESS – E’ stata annunciata la nascita del primo gattile di Alghero, il progetto è stato realizzato dalla facoltà di Architettura su richiesta dell’amministrazione comunale. Il gattile ha anche una scultura, realizzata da Livio Pulli, che curerà successivamente  i decori della struttura.

Ad Alghero ci sono 17 colonie feline” – fa sapere l’Assessore all’ecologia Antonio Adamo – “col nostro intervento vogliamo regolamentare un settore con la realizzazione del progetto  del “Solaio” e anche con il controllo del rispetto delle regole di decoro e pulizia“.

Nei giorni scorsi c’è stato un incontro  tra l’Assessore e i “gattari” algheresi.
Il gattile dovrebbe sorgere in prossimità di una colonia felina, quella del Solaio, ma da come dice lo stesso Assessore ad Alghero ci sono 17 colonie feline censite: saranno tutte trasferite nel gattile?

Preoccupanti le dichiarazioni relative alla “sporcizia ed effluvi presenti in una zona di estremo pregio tra gli yacht ormeggiati e i bastioni“.
Strutture di prigionia per gatti, ricordiamo, non sono ammesse dalla legge nazionale sul randagismo, al gatto è riconosciuto lo status di animale libero; mentre al cane, purtroppo, è riconosciuta solo la libertà vigilata, a meno che la relativa legge regionale non preveda figure diverse.

Benvengano strutture di ricovero temporaneo per il soccorso e le cure dei gatti, ma che non siano prigioni. E’ estremamente pericoloso, tra l’altro, aprire strade al business del randagismo felino. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).