GEAPRESS – Un fatto che ha sconvolto in molti. Ferrara non è abituata ad eventi di questo genere. Un cane morto trovato galleggiante in un canale e con attorno una sorta di gabbia costruita con una rete metallica. Eppure, in quel tratto di via Gramicia, in prossimità del canale, vi sono solo due canili ed un gattile. Anzi, secondo Paola Cardinali, presidente dell’Associazione AVEDEV che gestisce il canile comunale, da quelle parti si vedono solo volontari con i cani. Chi rischia così di farsi vedere mentre compie un gesto di tale gravità. Di certo il macabro ritrovamento è avvenuto lunedì mattina alle 10.00. Ad accorgersi dei poveri resti, proprio una volontaria mentre stava facendo passeggiare un cane.

La carcassa, prima dell’esame autoptico disposto dall’Istituto Zooprofilattico, è stata esaminata dalla dott.ssa Chiara Berardelli, direttrice dell’area di Sanità Pubblica Veterinaria dell’ASL di Ferrara. L’animale è sicuramente morto prima di essere gettato nel canale. Nei suoi polmoni, infatti, non vi era acqua, anzi, secondo la dott.ssa Berardelli, il cane, un meticcio di grossa taglia di pastore tedesco, potrebbe essere stato avvelenato. Questo si evincerebbe dal quadro necroscopico.

Agghiacciante, invece, la probabile eliminazione del microchip. La ferita sul collo del cane era fin troppo professionale. “Un taglio perfetto – riferisce la dott.ssa Berardelli a GeaPress – di questo ne sono certa. Una mano esperta, forse un Veterinario“.

Chi può essere andato a gettare un cane morto a due passi dai canili? Ipotesi di maniaci e crudeli assassini, o forse uno smaltimento illecito effettuato con la compiacenza di chi non dovrebbe prestarsi a ciò? L’orrendo gesto è stato quasi sicuramente compiuto nel fine settimana, forse nella notte tra domenica e lunedì, quando, ovviamente, non ci sono volontari con i cani a passeggio. Il fatto, poi, che il cane fosse in decomposizione, non esclude che possa essere stato eliminato già in quello stato.

Si spera, adesso, che dalla diffusione delle foto qualcuno possa riconoscere il cane e chiarire quanto accaduto.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTO: