GEAPRESS – Eureka è il nome di uno dei rifugi privati presenti nella città di Palermo. Conta oltre 60 cagnolini di diversa taglia ed è diviso in due settori. ll proprietario della struttura, ha dichiarato apertamente di non potersene più occupare, a partire dalla metà di gennaio, per motivi legati al proprio stato di salute. I primissimi interventi di aiuto sono arrivati, come spesso succede, proprio da chi ha a cuore la salute degli animali. Aiuti dapprima emergenziali, poi di routine.

Ad oggi, pertanto, il rifugio Eureka risulta, di fatto, nelle mani di chi se ne era preso carico sin dall’inizio per puro spirito di compassione, per sentito senso del dovere. Si tratta, neanche a dirlo, dei “soliti volontari”, i ragazzi della LIDA, dell’OIPA, dell’ASVA a cui se ne aggiungono altri, sparuti, ma tutti accomunati da un solo interesse: il benessere degli animali. Il sacrificio è notevole, certamente ripagato dai tanti sguardi innocenti, dalle poche ma riuscite adozioni, dalla speranza di poter offrire loro una nuova vita, un’esistenza degna a cui avrebbero diritto tutti, indistintamente.

Da gennaio a questa parte – racconta Alessandra Musso, responsabile della LIDA di Palermo – le difficoltà sono aumentate esponenzialmente, senza contare, strada facendo, qualche doloroso decesso. Mantenere decorosamente un rifugio” continua la Musso “comporta costi ingenti , ormai insostenibili nonostante le generose donazioni, ed un alto dispendio di emotività ed energie. Siamo alla ricerca di una soluzione nell’interesse dei nostri amici a quattro zampe, a cui, peraltro, siamo ormai tutti affezionati ”.

Ad aggravare la situazione giunge puntuale, come se non bastasse, l’imperdonabile stop all’erogazione dell’acqua, bene essenziale e primario per ovvie ragioni.

L’animo dei volontari, nonostante gli impedimenti oggettivi, non si scompone, non si scoraggia e prosegue imperterrito, mediante la promozione continua di iniziative di vario genere: informazione meticolosa, cartelloni illustrativi, raccolta fondi, adozioni ( anche a distanza ), banchetti.

La LIDA Palermo, al fine di dare visibilità ai cagnolini di Eureka, in occasione della festa di legalità “Addiopizzo” ha ottenuto un proprio “spazio” al Giardino Inglese allestendo prontamente uno spazio informativo. “Speriamo – sottolinea Marco Meli, volontario della LIDA Palermo – che in tanti si facciano avanti, per far conoscere la nostra situazione a quanta più gente possibile, cercando di ottenere le giuste attenzioni , da più parti mancanti, che i nostri cagnolini meritano di ricevere”.

Nella stessa postazione, sarà possibile firmare una Petizione incentrata sul tema del randagismo. “Avere la possibilità di raccogliere tante firme – ricorda Giuseppe Purpi, Responsabile della Guardie Ambientali di Termini Imerese – in un contesto del genere, rappresenta un’occasione imperdibile al fine di scuotere coscienze collettive e fatiscenti istituzioni, specie alla luce dei recenti, ignobili e numerosissimi casi di avvelenamento a Palermo e provincia (vedi articolo GeaPress).”

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati