GEAPRESS – Finisce il lungo periodo di transizione durato otto anni, dal 4 luglio il Regolamento dell’UE n°998/2003 del 26 maggio 2003 (Leggi qui il Regolamento) non ammette ulteriori deleghe: cani, gatti e furetti dovranno essere identificati solo con il microchip elettronico (trasponditore). La data limite per il vecchio tatuaggio, chiaramente leggibile, è il 3 luglio 2011.

Il passaporto che è unico, per dati richiesti e modello, in tutti i Paesi membri della UE (vedi Modello Unico Europeo) dovrà, inoltre, certificare l’esecuzione della vaccinazione antirabbica; questa vaccinazione deve essere effettuata almeno 21 giorni prima della partenza.

Irlanda, Malta, Regno Unito e Svezia richiedono anche un test per verificare l’efficacia della vaccinazione effettuata; la prova sierologica deve essere effettuata almeno sei mesi prima della partenza verso l’Irlanda, Malta ed il Regno Unito, ed almeno quattro mesi prima della partenza verso la Svezia. Fino alla fine del 2011 per ottenere l’ingresso in Irlanda, Malta e Regno Unito sono necessari anche i trattamenti contro le zecche e contro l’echinococco. La Finlandia e la Svezia richiedono solo il trattamento contro l’echinococco.

Il passaporto deve contenere il numero del microchip inoculato, i dati anagrafici del proprietario dell’animale, deve certificare le eventuali vaccinazioni effettuate all’animale e obbligatoriamente la vaccinazione antirabbica.

Ventiquattro ore prima della partenza il veterinario certificherà, apponendo un timbro sul passaporto, che l’animale è in condizioni di salute idonee per il viaggio. Il documento unico europeo deve essere richiesto al Servizio veterinario della propria ASL. (GEAPRESS – Riproduzione vietata senza citare la fonte).