cani l'Aquila
GEAPRESS – Locali piccoli, bui, umidi e maleodoranti. Le zampe immerse nella melma. Così sarebbero stati rinvenuti dalle Guardie Zoofile della Lega del Cane di L’Aquila, i 7 cani adulti e i due cuccioli detenuti in una sorta stalla di Civitella Roveto (AQ). Uno dei “box” presenti nella struttura improvvisata, riferisce la Lega del Cane di L’Aquila in un suo comunicato, è apparso come un vero e proprio acquitrino.

Quando la proprietaria della struttura, nel frattempo giunta nei luoghi, su invito delle Guardie ha fatto uscire i cani questi sarebbero apparsi pieni di parassiti e malconci. Gli animali erano senza microchip e tra loro vi era una femmina non sterilizzata, probabilmente madre dei due cuccioli.

Non appena le Guardie hanno riempito alcuni secchi con acqua fresca e pulita, gli animali sarebbero corsi a bere ed a immergere le zampe sporche nell’acqua.

Le Guardie della LNDC hanno quindi invitato la proprietaria a lasciare i cani all’esterno della struttura, per poter godere di aria e sole. Quindi, si sono recate presso il locale Comando dei Carabinieri, inviando anche una segnalazione alla competente Asl veterinaria.

Il successivo sopralluogo è avvenuto insieme a due veterinari dell’area C del Servizio Veterinario di Avezzano e ad un Consigliere comunale. I veterinari, riferisce la LNDC, hanno pertanto deciso per il trasferimento degli animali presso il canile sanitario.

Lega del Cane di L’Aquila ringrazia il Servizio Veterinario della Asl di Avezzano, il Sindaco ed il Comune di Civitella Roveto e i Carabinieri per il tempestivo intervento.

L’associazione continuerà a seguire il “caso” e si augura per questi animali una pronta adozione dopo le profilassi, l’identificazione, la sterilizzazione ed i controlli di rito.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

VEDI FOTOGALLERY: