GEAPRESS – Polemiche a Catania, in merito alla manifestazione animalista organizzata per domani 2 dicembre a seguito dei fatti occorsi nello spazio antistante ai magazzini Ikea. Veleno distribuito per i cani. Filmati tremendi e polemiche a non finire (vedi articolo GeaPress). Mani ignote e per questo era stato chiesto all’Ikea di fornire agli inquirenti le registrazioni delle telecamere della sorveglianza. Cosa che è stata fatta. Dunque si spera che al più presto possano essere individuati i responsabili. A sperarlo, probabilmente, è anche la stessa multinazionale svedese visto che quello spettacolo, proprio innanzi ai magazzini, è quanto meno indesiderabile. La protesta, tra l’altro, è andata oltre. A sottolinearlo è l’ENPA catanese che ha deciso di non partecipare alla manifestazione. L’Associazione se la prende contro chi parrebbe aver fatto salire sul banco degli imputati la stessa Ikea. Un atteggiamento, questo, che non fa bene alla causa.

ENPA si rivolge così al Prefetto di Catania, già intervento positivamente in merito al fenomeno randagismo, quando occupava la sede dell’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa. Interventi opportuni, riferiscono dall’ENPA e che contrastano con le strampalate scelte in più occasioni intraprese dall’Amministrazione cittadina, come quella di destinare ad area rifugio un luogo già sequestrato dal NAS dei Carabinieri, a quanto pare per analoghi motivi.

Ad ogni modo, dicono dall’ENPA, in merito ai cani avvelenati devono essere accertate le reali responsabilità. La protesta, però, non doveva prendere tale spunto. Da un lato Ikea, che ha precisato di condannare ogni tipo di maltrattamento agli animali, oltre che essersi subito attivata appena la vigilanza si è accorta dei cani agonizzati. Poi una parte degli animalisti locali. C’è, dice ENPA, chi si è scagliato contro la multinazionale svedese additandola come responsabile. Domani, comunque, la manifestazione animalista. Non mettiamo sul patibolo nessuno, riferiscono dall’ENPA, ed aspettiamo che venga accertata la responsabilità dei fatti.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati