GEAPRESS – Si è appena conclusa  presso il Municipio di Perrenjas la riunione tra i rappresentanti dell’ Associazione Animal Rights Albania (ARA) ed il Sindaco Bajazit Karriqi. Quest’ultimo aveva disposto per le ore 24 di oggi l’avvio dell’uccisione dei cani a colpi d’arma da fuoco (vedi articolo GeaPress).

Le proteste guidate da ARA (nella foto un’attivista con un randagio di Perrenjas) lo avevano però indotto a convocare la riunione tenutasi oggi pomeriggio. Il Sindaco si è così espresso per un rinvio di 10 giorni, durante il quale a cura di ARA si dovranno vaccinare e sterilizzare i cani randagi della cittadina.  Passato questo termine il Sindaco deciderà sul da farsi.

Stante quanto dichiarato a GeaPress da Pezana Rexha, direttore esecutivo di Animal Rights Albania, l’incontro era iniziato nel peggiore dei modi. Il Sindaco, infatti, era intenzionato a confermare l’ordine di abbattimento. E’ merito, pertanto, dell’associazione albanese essere riuscita a posticipare ulteriormente i termini della tremenda esecuzione annunciando altresì che saranno adite le vie legali qualora le autorità locali continueranno a calpestare i diritti degli animali tutelati, come ricorda Pezana Rexha, da una legge della Repubblica Albanese.

Di fatto, il risultato dell’incontro odierno prefigura una situazione di sostanziale stallo, motivo per cui l’Associazione ARA ritorna a chiedere il massimo supporto sia a livello nazionale che internazionale.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati