GEAPRESS – Un esempio concreto di come si possa prevenire e contrastare l’incivile fenomeno dell’abbandono di animali domestici lungo la rete autostradale ci arriva dalla provincia di Savona. Qui le Guardie Zoofile dell’ENPA in collaborazione con le Autostrade Torino-Savona e dei Fiori si sono alleate nel controllare il traffico veicolare sui rispettivi tratti autostradali.

Un vero e proprio servizio di vigilanza in strada che, come riferiscono all’ENPA savonese, ha registrato l’apprezzamento degli stessi automobilisti. Le Guardie dell’ENPA (volontari che operano a titolo gratuito) avvicinano le auto con animali a bordo e verificano le generalità del proprietario e la presenza del microchip del cane. La loro opera continua inoltre lungo le strade della Riviera, per controllare e soccorrere, con un kit di primo intervento, costituito da contenitori, bacinelle e spruzzatori d’acqua, che i cani non siano lasciati chiusi in macchina sotto il sole provvedendo, in caso di pericolo di vita per l’animale, a rompere il vetro del finestrino. Solo la scorsa estate ben venti cani sono stati soccorsi in situazioni di questo genere e salvati.

Il servizio di vigilanza è attivo ormai da diciassette anni – riferisce l’ENPA di Savona – ed è stato il primo in Italia, riscuotendo grande successo, soprattutto tra i molti degli automobilisti fermati, che manifestano apprezzamento e stima e spesso entusiasmo e sincera simpatia verso l’operato degli Agenti Zoofili”.

Nella scorsa estate sono state avvicinate cinquemila auto, italiane e straniere, con animali a bordo, tra cani, gatti e volatili (canarini e pappagalli). Grazie anche a questa iniziativa gli abbandoni, lungo le autostrade savonesi, sono diminuiti dell’85% ed il randagismo è in costante riduzione.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati