GEAPRESS – Il Sindaco De Lucia, primo cittadino di Positano (SA) ringrazia i tanti simpatizzanti e conferma ancora una volta il suo no alla sfilata di pellicce. Anzi il suo no alle pellicce. Ne da comunicazione l’Associazione Chiliamacisegua, al quale il Sindaco ha voluto inviare il messaggio.

La questione, ormai, è risaputa. Con un intervento che ha suscitato una vera e proprio esplosione (di gioia) nel mondo animalista, Michele De Lucia aveva vietato la sfilata delle pellicce prevista per il prossimo 23 settembre.

De Lucia, ora ringrazia e tiene a precisare che il suo no è dovuto al fatto che non può dimenticare “sia come Sindaco ma soprattutto come Uomo, le atrocità che tantissimi animali indifesi subiscono ogni giorno in nome di una “moda” che non ci rappresenta, non ci appartiene e a cui vogliamo gridare un forte NO!”. Questo pur nella piena consapevolezza, aggiunge il Sindaco, di come il nome e l’immagine di Positano siano legati indissolubilmente alla moda.

Come non dargli torto. Animali gasati, oppure finiti con la rottura manuale delle vertebre vervicali. Costretti nella loro breve vita in gabbie piccole sistemate in stabulari stracolme di vite a perdere. Nate, cioè, per fare arricchire una moda della quale se ne può tranquillamente fare a meno.

Non ho certo la presunzione di voler essere un modello – ha aggiunto De Lucia – ma spero davvero che questo gesto possa essere d’esempio per evitare barbarie ad animali la cui unica colpa è di essere stati dotati dalla natura di un manto stupendo e credo che noi tutti abbiamo il dovere di tutelarli“.

Un motivo in più, dicono i messaggi che in queste ore stanno fioccando un pò ovunque, per fare apprezzare Positano e la costiera amalfitana. Insomma, se la provincia di Salerno si deve portare il cruccio di un nome divenuto suo malgrado un aggettivo (dequalificativo…Cicerale ed il suo strafamoso canile) Positano la riabilita decisamente con un provvedimento del quale si fa fatica a trovarne precedenti. Una sensibilità rara, sicuramente da premiare.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati