anima naturalis
GEAPRESS – Con un freddo pungente, più di un centinaio di attivisti hanno manifestato nudi contro l’industria pellicciaia. La manifestazione, organizzata da Anima Naturalis, si è svolta a Barcellona. All’orario prestabilito gli animalisti si sono sfilati gli accappatoi imbrattando i loro corpi di rosso, come il colore del sangue degli animali uccisi per le pellicce.

E’ il decimo anno che Anima Naturalis organizza manifestazioni ad alto impatto contro l’uso delle pellicce. Anche quest’anno, riferisce l’associazione,  gli attivisti hanno dato voce ai milioni di animali che soffrono negli allevamenti e non possono difendersi.

L’azione è avvenuta stamani nel cuore della città.

Ogni anno più di 60 milioni di animali vengono uccisi in tutto il mondo per il commercio della loro pelliccia. Trascorrono una breve esistenza all’interno di piccole gabbie finché non vengono gasati, piuttosto che uccisi con un elettrodo inseriti nell’ano ed in bocca.

Attraverso tale iniziativa, Anima Naturalis mira ad aumentare la conoscenza nell’opinione pubblica della sofferenza degli animali utilizzati nell’industria della pelliccia. Secondo Aida Gascón, direttore di Anima Naturalis in Spagna ci sono  molti  modi di vestire senza dover strappare la pelle e la vita agli animali.

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati